Alla scoperta di Los Angeles. Guida completa per un viaggio.

   

Documenti Stati Uniti   arrow


PROGRAMMA VIAGGIO SENZA VISTO
per maggiori informazioni: poliziadistato.it, usembassy.gov

Dal 12 gennaio 2009 per i viaggi negli Stati Uniti è obbligatorio compilare on-line il modulo per l’autorizzazione al viaggio elettronica (ESTA), da un massimo di 3 giorni prima della partenza (anche se le autorità consigliano di farlo il prima possibile). Al termine della procedura il sistema vi dirà se siete autorizzati a imbarcarvi in un volo per gli Stati Uniti ma non vi darà l’assoluta certezza che sarete accettati nel territorio americano. Per compilare il modulo, vai qui: ESTA. Per maggiori informazioni visita la pagina dell’ambasciata americana dedicata all’ESTA: Us Embassy L’autorizzazione sarà valida per un periodo di due anni (o fino alla scadenza del passaporto), quindi in caso di più viaggi in questo lasso di tempo non è necessario richiedere più autorizzazioni, ma semplicemente aggiornare i dati.

Il passaporto per entrare negli Stati Uniti d’America


Per recarsi negli Stati Uniti d’America senza necessità di visto, usufruendo del programma “Visa Waiver Program – Viaggio senza Visto”, sono validi i seguenti passaporti:

  • passaporto elettronico, unico tipo di passaporto che viene rilasciato a partire dal 26 ottobre 2006;
  • passaporto a lettura ottica rilasciato o rinnovato prima del 26 ottobre 2005;
  • passaporto con foto digitale rilasciato fra il 26 ottobre 2005 e il 26 ottobre 2006.

Ricordiamo che per usufruire del programma “Visa Waiver Program” (Viaggio senza visto) è necessario:

  • viaggiare esclusivamente per affari e/o per turismo;
  • rimanere negli Stati Uniti non più di 90 giorni;
  • possedere un biglietto di ritorno.


In mancanza anche di uno dei requisiti elencati, è necessario richiedere il visto. Ricordiamo che il passaporto deve essere in corso di validità: la data di scadenza deve essere successiva alla data prevista per il rientro in Italia. La mancata partenza dagli U.S.A. entro i 90 giorni, potrà compromettere la possibilità di usare nuovamente il programma.

I minori potranno beneficiare del Visa Waiver Program solo se dotati di passaporto individuale, non essendo sufficiente la loro iscrizione sul passaporto dei genitori. Nel caso in cui il minore sia iscritto nel passaporto di uno dei genitori, bisognerà richiedere il visto, qualunque sia il periodo di soggiorno negli U.S.A

NUOVE DISPOSIZIONI

Le Autorità americane hanno di recente annunciato l’introduzione un nuovo sistema elettronico di registrazione on-line dei dati dei cittadini degli Stati facenti parte del Visa Waiver Program (VWP) che si recano temporaneamente negli Stati Uniti per turismo o per motivi di lavoro. L’“Electronic System for Travel Authorization” (ESTA) sostituirà la compilazione del modulo cartaceo I-94W (tale modulo viene distribuito dal personale di bordo dell’aereo insieme al modulo per la dogana prima di atterrare sul suolo americano) e consentirà alle autorità degli Stati Uniti di effettuare il controllo sulle persone che hanno intenzione di entrare in territorio statunitense prima del loro imbarco su nave o aereo.

La nuova procedura è diventata esecutiva ed obbligatoria a partire dal 12 gennaio 2009 e ha sostituito il modello I-94W.

Le risposte che verranno fornite dal sistema “ESTA” potranno essere di tre tipi:

1)“Authorization Approved”, nel caso di concessione dell’autorizzazione. L’autorizzazione sarà valida per due anni o fino a quando il passaporto del viaggiatore non scade e consentirà la possibilità di effettuare più viaggi negli Stati Uniti senza che per ognuno di essi sia necessaria una nuova registrazione on – line ed una conseguente nuova autorizzazione;

2)“Travel not Authorized”, nel caso di diniego dell’autorizzazione. In tal caso occorrerà rivolgersi al Consolato americano presso il quale è stata fatta richiesta per il visto per gli Stati Uniti;

3) “Authorization Pending”, nel caso in cui siano necessarie ulteriori informazioni ai fini del rilascio dell’autorizzazione.

Un’autorizzazione “ESTA” (come già avviene attualmente in base al Visa Waiver Program) non garantirà un’automatica ammissione in territorio americano che sarà lasciata alla discrezionalità delle competenti autorità doganali e di frontiera.

Al fine di facilitare il processo di valutazione dei dati forniti con la registrazione, si consiglia di compilare il modulo ESTA non meno di 72 ore prima della partenza. Se sei in procinto di partire a questo link puoi compilare il modulo: ESTA.

APPROFONDIMENTI

 


2.188 commenti

  1. massimo scrive:

    Ciao, una info: sono in possesso di un visto lavorativo di tipo h1b ma scade il 15b luglio 2014 e vorrei fermarmi negli states per turismo per un altro mesetto.. posso applicar per l’esta o devo fare un visto turistico? a quanto ho capito non posso nemmeno andare in canada e applicare per l’esta, corretto?

  2. Manuela scrive:

    Ciao Alessandra,

    devo recarmi negli Stat Uniti il 25 giugno 2014 e ho appena aggiornato i dati dell’Esta fatto nel novembre 2012 e che quindi SCADE a novembre 2014.

    So che per recarsi negli States il passaporto deve avere una validità residua di almeno SEI MESI dopo la partenza, mi chiedevo se anche per l’ESTA ci fosse la stessa regola.

    GRAZIE MILLE

  3. Martina scrive:

    ciao Alessandra
    io parto per un anno di scambio culturale negli Stati Uniti ma credo di aver fatto un pasticcio con l’application per il visto poichè al posto di EXCHANGE STUDENT e quindi il tipo di visto J1 (che non ho trovato per una mia svista) ho messo STUDENT e quindi F1, solo che ho già inviato i documenti e ho paura che non riesca a cambiare l’opzione e quindi che il consolato mi rifiuti il visto. Che cosa posso fare?

    • Alessandra scrive:

      Ciao Martina,
      penso che all’intervista tu possa parlare di questo disguido, prima dell’intervista non so cosa possa fare, prova a mandare una mail all’ambasciata

  4. Matteo scrive:

    Ciao Alessandra,
    l’azienda che ti parlavo mi ha inviato il modulo DS 156 da compilare e inviare scannerizato con la ricevuta del pagamento verso l’USCIS…ma i dati per il pagamento sono di un loro responsabile interno all’azienda. E’ normale? Ti risulta poi che i documenti in originale che dovranno inviare devono essere assicurati e costa 350€? Grazie…avrei tantissime altre cose da chiederti..

    • Alessandra scrive:

      Ciao Matteo,
      non fidarti assolutamente… non è la procedura corretta! Se usi il sito Uscis devi farlo online dal sito Uscis…

      • Matteo scrive:

        Ciao Alessandra, purtroppo è tardi. In queste ultime settimane è stata smascherata tutta la truffa. Sono risalito all’inganno dopo avere parlato con l’ambasciata Usa a Roma ed essermi messo in contatto direttamente con l’azienda americana tramite un contatto Fb dell’agenzia che gli ha creato il sito inetrnet..vabbè..ci sono riuscito. E’ già stata inoltrata denuncia alle autorità competenti , all’ IC3.gov, tutto concluso!
        Ne approfitto per allertare tutti coloro che entreranno in contatto sui vari siti di reclutamento personale: DIFFIDATE di assunzioni in Usa con vitto, alloggio, biglietto aereo, e tutto il resto con salari molto invitanti.
        Io , personalmente, ho inviato i miei documenti, ma nessun denaro e , come me, molti altri italiani con cui ho avuto contatto. La rete Linkedin è stata molto efficace per risolvere la truffa.
        E grazie a te, Alessandra , per i preziosi consigli. La tentata truffa è stata comunque architettata perfettamente.
        Matteo.

  5. Matteo scrive:

    Grazie Alessandra,
    potresti dirmi la fonte della tua dichiarazione inerente l’impossibilità di avere visti H1-B per l’anno corrente?
    Aggiungo anche che, ogni riferimento in mio possesso , porta , in rete, all’azienda USA in questione, in pratica , a me, sembra tutto molto serio, ma nello stesso tempo esistono falle abissali nella trattativa contrattuale che propongono!

  6. Matteo scrive:

    Ciao, vorrei un consiglio.
    Un’azienda usa vuole assumermi in seguito alla ricezione del mio CV e mi chiede una cifra di circa 150€ per il visto H1- B , richiesta da inoltrare al USCIS. Non possono inviarmi la bozza contrattuale se primo non dichiaro di voler accettare il trasferimento negli Usa. Di fatto non conosco nessun dettaglio anche se ho tutti i recapiti del “futuro” datore di lavoro. Come mi consigliate di muovermi? GRAZIE MILLE .

    • Alessandra scrive:

      Ciao Matteo,
      non è la procedura da seguire, non devi mai inviare denaro a nessuno, altrimenti non sono persone seriamente intenzionate ad assumerti. Ci sono tasse che deve pagare il datore di lavoro e tasse che devi pagare tu. Informati su questa persona/azienda e scopri se ci sono informazioni almeno su internet. Per quest’anno il governo americano non accetta più richieste per il visto H1, si vedrà l’anno prossimo.

  7. Cesare scrive:

    Ciao Alessandra,
    una domanda, se possibile.
    Sono cittadino italiano e convivo con una ragazza rumena,
    vorremmo recarci a fare un viaggio negli States.
    Lei ha carta d’identità italiana (non valida per espatrio) e passaporto Rumeno rilasciato nel 2008.

    Lei è assunta con contratto a chiamata presso un ristorante da circa 3 anni tutt’ora in corso.
    Bisogna chiedere un qualche tipo di visto?
    come funziona?
    Grazie.
    Saluti

  8. faby scrive:

    Ciao Alessandra,
    ti avevo scritto qualche settimana fa per dei consigli su un problema con una scuola d’inglese a New York, e adesso torno a chiederti nuove informazioni., perchè sei molto d’aiuto.
    A settembre vorrei partire per New York per un paio di mesi per andare a imparare la lingua e fare un pò di volontariato in un’associazione che ho contattato (che si occupa di servizi per immigrati).
    Lasciarò il mio lavoro attuale e partirò un pò all’avventura e alla ricerca di fortuna :)
    Non so quanto mi fermerò, vorrei più di tre mesi, quindi vorrei fare la richiesta di permesso B2.
    Credi che ho una situazione che “puzza” di possibile immigrazione?
    E se non volessi rischiare un rifiuto del visto e me ne andassi con l’Esta che ho già, ci sarebbe la possibilità di uscire dal paese scaduti i tre mesi e poi rientrare subito dopo senza problemi per nuovi tre mesi?
    Grazie per la disponibilità che avete nel chiarire tutti i nostri dubbi
    ciao

  9. Marco scrive:

    Ciao,
    Sono in vacanza negli stati uniti.
    Ho fatto un biglietto per stare un mese ma mi piacerebbe fermarmi ancora un po,
    è possibile farlo spostando il biglietto e prolungarlo entro un limite di 90gg o devo richiedere qualche permesso?

    Grazie
    M

  10. Jessica scrive:

    ciao sono una ragazza di 24 anni, studentessa universitaria, con cittadinanza peruviana e residente in italia da circa 18 anni. Volevo andare quest’estate negli USA come turista un po per visitare la città e un po per imparare un po la lingua per un tempo massimo di 1 mese, ho anche una mia zia di lontana parentela che abita a new yok, volevo chiederti se sapevi come un cittadino straniero con residenza stabile in Italia debba fare per avere il visto per andare negli USA. Ti ringrazio in anticipo.

  11. dany scrive:

    ciao Alessandra,volevo chiederti se faccio un intership non remunerato ad esempio x due mesi quindi inferiore ai 90 giorni non devo avere il visto vero?
    posso frequentare un corso di inglese nel frattempo e nel periodo rimanente entro i 90 giorni senza necessitare di visto o per frequentare qualsiasi corso di inglese anche sotto 90 giorni si deve avere un visto?
    grazie mille

    • Alessandra scrive:

      Ciao Dany,
      non “dovrebbe” servirti il visto… chiedi in ambasciata per essere sicuro; mentre per il corso di ingelese, deve essere sì inferiore ai 90 giorni ma non deve superare le 18 ore settimanali e non deve rilasciarti crediti, altrimenti serve il visto.

      • dany scrive:

        Scusa Alessandra non ho ben capito la storia delle 18ore settimanali del corso?parlerei voletieri con l’ambasciata ma purtroppo non riesco a parlare con nessuno perché mi rispondono solo voci registarte :-(

  12. francesca scrive:

    Ciao. l’anno scorso sono stata negli States ed ho ottenuto regolare ESTA (valido fino ad agosto 2015). quest’anno avrei in programma un viaggio in estate in Iran ed uno a Natale nuovamente a NY. ci sono problemi in ingresso negli USA se sul passaporto è presente visto Iran?

    • Alessandra scrive:

      Ciao Francesca,
      ad essere sincera non so darti una risposta… c’è chi dice che potrebbero esserci problemi, altri invece che non ce ne sono. Ufficialmente non c’è nessun divieto ma… decidono abbastanza arbitrariamente all’immigrazione.

  13. antonella scrive:

    Ciao Alessandra,
    mia figlia Anna, 19 anni, partirà per Los Angeles ai primi di ottobre, ospite della stessa famiglia che l’ha ospitata l’anno scorso.
    L’idea è quella di rimanere lì il più possibile per praticare la lingua e per informarsi su community college ed università.
    lei ovviamente vuole fermarsi lì il più possibile, con l’intenzione di poter frequentare qualche corso e magari lavorare qualche ora durante il giorno per contribuire alle spese.
    mi dici se c’è questa possibilità? te lo chiedo perchè chiedendo all’ambasciata americana mi hanno detto che loro danno il visto solo se sei iscritta a qualche scuola oppure hai un datore di lavoro disposto ad assumerti. Questo significa che c’è solo la possibilità di entrare con l’Esta se non studi e non lavori? non c’è possibilità, una volta entrati con l’Esta, di fermarsi più di tre mesi?
    per cortesia fammi capire qualcosa di più a riguardo perchè questi americani mi sembrano un po’ complicati :-)
    grazie mille.
    Antonella

    • Alessandra scrive:

      Ciao Antonella,
      come scritto diverse volte, con l’Esta si può andare negli Usa solo per turismo e per seguire corsi di inglese di massimo 18 ore a settimana, non puoi restare oltre i 90 giorni. Per lavorare o studiare, bisogna prima ottenere un visto.

      • antonella scrive:

        Ciao Alessandra,
        riguardo all’Esta avevo capito ma forse non mi sono spiegata bene, quello che vorrei sapere è, se mia figlia volesse rimanere negli Stati uniti più di 90 giorni e magari cercare un lavoretto di qualche ora al giorno per contribuire alle spese che tipo di visto ha bisogno?
        Se parte da qua senza sapere se lavorerà oppure no c’è la possibilità di avere un visto? e se si,quale?
        spero di essermi spiegata bene, se così non fosse ti chiedo di avere un po’ di pazienza.
        grazie ancora.
        Antonella

        • Alessandra scrive:

          Ciao Antonella,
          forse sono io che mi sono spiegata male… con l’Esta può restare max 90 giorni e poi tornare in Italia, non può chiedere nessun visto mentre è negli Usa e non può nemmeno fare colloqui e cercare lavoro.
          Adesso che è in Italia, può cercare uno Sponsor americano (un’azienda) disposto ad assumerla e farle ottenere il Visto (sempre dall’Italia), ma se non è specializzata è difficile trovare un’azienda disposta a spendere soldi per assumere uno straniero per un lavoro generico, perché gli americani hanno la precedenza. Spero di essere stata più chiara… Se tua figlia fosse un ingegnere, un chirurgo, che so… una cantante lirica molto brava (giusto per fare degli esempi), allora magari potrebbe trovare qualcuno interessato ad assumerla negli Usa

  14. Giuseppe scrive:

    Grazie mille per la risposta tempestiva,credo proprio che farò il biglietto di ritorno.
    Ti chiedo solo un ultima cosa,l’ Esta vale anche per gli Stati confinanti con gli Usa tipo Messico,Canada ecc o bisogna poi richiedere dei visti specifici per entrare in questi Paesi e sempre per lo stesso motivo varrebbe un biglietto di ritorno fatto dal Messico per esempio?
    Grazie ancora

    • Alessandra scrive:

      L’Esta è un permesso a imbarcarti per gli Stati Uniti, vale solo per andare negli Usa quindi. Per i Paesi confinanti non so dirti, non ce ne occupiamo… posso solo dirti che con l’Esta non puoi terminare il viaggio in un Paese confinante, devi per forza tornare in Italia o in un Paese non confinante

  15. CIMAT scrive:

    CIAO ALESSANDRA..

    SONO CITTADINO ITALIANO CON PASSAPORTO RILASCIATOMI IN DATA FEBB 2012.
    VOGLIO VIAGGIARE A NUEVA YORK, HO SOLO IL PASSAPORTO, COSA DEVO FARE?? VORREI FERMARMI 6 MESI COME TURISTA PERCHÉ HO FAMIGLIA LI

  16. Giuseppe scrive:

    Ciao Alessandra,
    io devo recarmi negli States intorno ad agosto e siccome non farò immediatamente il biglietto di ritorno dovrei a questo punto richiedere a quanto ho capito il visto.
    Mi sapresti dire se questo ha un costo,a quanto ammonta e come potrei richiederlo?

    grazie mille

    Giuseppe

    • Alessandra scrive:

      Ciao Giuseppe,
      il visto ha un costo ma soprattutto un rischio. Se ti viene rifiutato non potrai più viaggiare con l’Esta, quindi valuta bene prima di fare richiesta. Conviene prendere il biglietto di ritorno e viaggiare con l’Esta. Ti ricordo che negli Usa si può viaggiare solo per turismo a meno che non abbia un visto specifico, ed è vietato cercare lavoro. Detto questo, puoi leggere qui le istruzioni per chiedere un visto B2.

  17. Gennaro scrive:

    Ciao Alessandra,
    io dovrei andare a Los Angeles in settembre per il viaggio di nozze, e in pratica se ho capito bene mi serve oltre naturalmente al passaporto anche l’iscrizione all’ESTA (che è obbligatoria). Giusto?
    Grazie Mille

    • Alessandra scrive:

      Ciao Gennaro,
      certo, l’Esta è obbligatorio, unitamente al passaporto valido per gli Usa e al biglietto di ritorno per l’Italia. Fammi sapere se vuoi qualche consiglio per i voli e per l’hotel.

  18. Riccardo scrive:

    Ciao Alessandra, io in un mese finisco il mio anno in america come exchange student e ad agosto vorrei trasferirmi qua per finire gli studi. io alloggerei in una famiglia americana che mi ha detto che e’ disposta ad ospitarmi senza problemi e il papa mi ha detto che lui e’ il direttore di una azienda la quale mi puo assumere, assumendomi otterro il SSN ( social security number). Ovviamente mentre ho questo lavoro, io vado a scuola perche devo finire le superiori li e poi faro il college. che tipo di visto mi conviene chiedere? perche il mio obiettivo sarebbe quello di trasferirmi qua. devo chiedere un visto da studente o ce qualche altro tipo di visto che posso richiedere?

    Grazie per l’attenzione

  19. stella scrive:

    Buongiorno Alessandra
    un gruppo di ragazzi minorenni che intendono fare un viaggio negli USA con un accompagnatore adulto, oltre al passaporto e all’ESta necessitano di altri documenti (es Consent form da parte dei genitori)? Grazie mille

  20. mariana scrive:

    Ciao Alessandra,sono una citadina romena con residenza a Torino… volevo andare negli USA insieme al mio compagno(italiano),ma se per lui non c’è nessun problema(viaggia con l’Esta),a me invece,serve il visto.Ho provato a compilare il modullo DS-160,ma non sono riuscita,non conoscendo bene l’inglese…..come posso fare???a chi mi posso rivolgere?!

  21. francecso scrive:

    Ciao Alessandra, io e la mia ragazza (americana) partiamo dall italia il 22 maggio per miami. il fatto che io ho Comprato il biglietto solo andata.. come conviene comportarmi? Sono un po imparanoiato sulla faccenda. Compro anche un ritorno o posso comprarr anche un volo da miami che ne so per esempio diretto verso la jamaica (sempre entro I tre mesi)? Cerco e posso applicare per il b2? Grazie in anticipo :)

  22. fabiana scrive:

    Ciao Alessandra,
    devo viaggiare in USA e ho un passaporto che consente di viaggiare con ESTA, ma non ricordo se ho fatto già domanda per ESTA prima che si iniziasse a pagare la tariffa di 14,00 dollari, che devo fare?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


8 + otto =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>