mercoledì , 29 marzo 2017
Anderson Falls, Indiana
Anderson Falls, Indiana

Indiana

Lo Stato dell’Indiana è nel MidWest degli Stati Uniti, esso confina con il lago Michigan, l’Illinois, il Kentucky, l’Ohio e il Michigan. La sua capitale è Indianapolis, molto conosciuta soprattutto perché sede di un importante circuito automobilistico.
Il nome Indiana richiama direttamente il passato in cui la terra era abitata da tribù autoctone, infatti tradotto “Indiana” significa Terra degli Indiani.
Il territorio dello Stato è quasi esclusivamente pianeggiante, eccezion fatta per dolci colline attorno al lago Michigan e dune di sabbia nella parte nord occidentale del paese. Il clima è caldo e umido in estate mentre gli inverni risultano piuttosto rigidi, tranne a sud dove le temperature rimangono miti, grazie alla presenza di numerosi fiumi.

Cenni storici
L’Indiana è territorio di scoperta prima dei francesi mercanti di pellicce poi degli inglesi proprietari terrieri, entrambi si trovano a dover affrontare in battaglie gli autoctoni, delle tribù indiane, i quali però capitolano agli inizi del 1800 nella battaglia di Tippecanoe. Con l’ingresso dell’Indiana negli Stati Uniti, giungono dall’Europa anche svizzeri, polacchi, tedeschi, cechi ed altri. L’economia subisce una trasformazione, non più soltanto territorio di colture di mais e tabacco, ma anche industrie manufatturiere, grazie allo sfruttamento dei fiumi come principali vie di comunicazione.

Cosa vedere
Indianapolis è la capitale dello Stato, il suo soprannome è Nap Town, città del pisolino e questo lascia intendere la carenza di particolare attrattive. Da visitare comunque il Museo delle Arti e quello delle Auto che hanno corso nel famoso circuito automobilistico.
Nei dintorni di Indianapolis invece le località da visitare sono diverse. Fairmount è la città natale di James Dean, ha un museo a lui dedicato con esposti alcuni oggetti personali del divo anni ’50.
Columbus è una città la cui architettura è curata dai migliori architetti del mondo, quindi tanti sono gli edifici da poter ammirare.
Nella parte meridionale del paese invece vi sono numerose piccole cittadine che conservano le caratteristiche storiche legate al diciannovesimo secolo, con atmosfere che richiamano l’epoca dei cercatori d’oro e dei colonizzatori, oltre a poter visitare grotte, colline e fiumi, in cui dedicarsi ad attività all’aria aperta.

Natura
Disseminati in tutto lo Stato dell’Indiana vi sono più di venti parchi e riserve naturali che permettono di entrare a contatto con un ambiente selvaggio, in cui flora e fauna sono protette. All’interno dei parchi si possono visitare villaggi di pionieri, scoprire terreni colmi di muschi e felci, raccolte di fossili antichissimi, conoscere anche un ambiente acquatico fluviale.
Attorno al Lago Michigan si trovano le dune di sabbia, le quali però affiancano cactus, foreste di latifoglie e boschi di conifere, creando un paesaggio unico nel suo genere. Nella zona si possono percorrere sentieri escursionistici dai quali è possibile anche avvistare il regale airone azzurro.

INDIANA, IN – 39.78N, 86.15W

MAPPA STATO SITO UFFICIALE

ORIGINE NOME: Tra il 1800 e il 1841 gli indiani della regione furono massacrati o deportati: di loro resta il ricordo nel nome dello Stato. 
SOPRANNOMINATO: "The Hoosier State"
CAPITALE: Indianapolis
MEMBRO UNIONE DA: 11 Dicembre 1816 (19mo stato)
POPOLAZIONE: 5.942.901
NUMERO CONTEE: 92
PERSONE POVERE: 9,9%

MOTTO: "The Crossroads of America"

ALBERO: Tulip Tree
UCCELLO: Cardinal
FIORE: Peony
CANZONE: On the Banks of the Wabash, Far Away

LA BANDIERA: Il campo della bandiera è blu con diciannove stelle e una torcia ardente in oro. Tredici stelle sono disposte in un cerchio esterno, rappresentanti le prime tredici colonie; la diciannovesima stella, sensibilmente più grande delle altre ricorda che l’Indiana è stato il 19emo stato ad aderire all’unione. La bandiera è stata adottata nel 1917.

ECONOMIA

– AGRICOLTURA: Cereali, soia, suini, bestiame, latticini, uova.
– INDUSTRIA: Acciaio, prodotti chimici, petrolio e carbone.

 

bandiera Indiana

Altri articoli che potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *