Libro Voglia d’America. Il mito americano in Italia

TuttoAmerica è un sito gratuito e costantemente aggiornato grazie al lavoro della nostra redazione.

Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi:

  • acquistare attraverso il nostro sito. Ad es. se cerchi informazioni su dove dormire in una delle località USA, poi prenota su Booking tramite i link che trovi nell’articolo: a te non costa niente di più, per noi è tutto;
  • acquistare i pass attraverso il nostro portale
  • cliccare sui banner Google presenti nel sito web
SCHEDA LIBRO
AUTORE: Claudia dall’Osso
TITOLO: Voglia d’America
PREZZO: 19,90€
DATI: 142 pp
ANNO: 2007
EDITORE: Donzelli
COPERTINA:
Voglia d'America. Il mito americano in Italia tra '800 e '900
VOGLIA D’AMERICA. IL MITO AMERICANO IN ITALIA TRA ‘800 E ‘900
L’americanizzazione del costume di vita in Italia è un fenomeno che si è sviluppato in modo massiccio soprattutto dal secondo dopoguerra. Ma i prodromi di quella “colonizzazione culturale” (linguistica, del comportamento, dell’estetica) vanno collocati molto tempo prima, ancor prima del 1917, quando gli Stati Uniti entrano in guerra a fianco delle potenze europee e così facendo salgono alla ribalta della scena mondiale. Alla fine dell’Ottocento numerosi intellettuali italiani sbarcano in terra americana per cercare di capire com’è fatto quel mondo, che nuovissimo non è più, e tuttavia è il più moderno esistente, e scrivono le loro impressioni, dirette a un pubblico ormai non esclusivamente d’élite ma fatto soprattutto di piccola e media borghesia. Attraverso quelle narrazioni, veicolate da articoli, saggi o autobiografie, si forma poco a poco un nucleo di idee sull’America, in gran parte stereotipate, che pure hanno e avranno la loro funzione: creare un’immagine dell’America i cui tratti fondamentali (eccentricità, novità, possibilità di scalata sociale, dinamismo, emancipazione femminile, attivismo esasperato e via di seguito) rimarranno pressoché inalterati fino a oggi. In quegli anni si fissa un ritratto dell’America che, vilipeso o esaltato a seconda dei tempi, ha continuato ad alimentare interesse e fascinazione. Il libro segue questi primi passi dell’americanizzazione, introdotta in Italia soprattutto dai viaggiatori o emigranti italiani non del bisogno (ai quali pure qui si accenna) ma del piacere, o della curiosità. E se anche quei racconti furono non del tutto privi di fantasie e proiezioni, provocarono in molti italiani una voglia d’America e un desiderio di emularne il carattere, reale o presunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.