Miami Beach, spiaggia di South beach

Cosa vedere a Miami

Scrivi un commento per primo / di Carlo Galici / aggiornato: 8 novembre 2018

 

Affacciata direttamente sulla Baia di Biscayne, in Florida, Miami è una delle mete turistiche più famose al mondo. Chilometri e chilometri di spiagge bianchissime si alternano a quartieri dove le parole d’ordine sono lusso e shopping.

 

Nonostante l’aria patinata e glamour, tuttavia, Miami è molto di più: arte, storia, architettura e un mix di popoli unico al mondo, offrono un carattere unico ai vari quartieri della città.

Top ten cosa vedere a Miami

Miami Beach

Miami Beach, spiaggia di South beach

Miami Beach, la città dal sole accecante, surf e sabbia. Tra tutte le spiagge, consigliamo in particolare South Beach. Adiacente alla spiaggia, corre Ocean Drive, l’affascinante lungomare divenuto emblema di Miami Beach, che raccorda la bellezza dell’oceano da una parte con i sontuosi palazzi in art decò dall’altra, fra i quali svetta la sfarzosa Casa Casaurina (ex villa di Versace).

Ocean Drive

Ocean Drive, South Beach

Conosciuta in primo luogo per l’Art Decò District, Ocean Drive è un agglomerato di hotel in perfetto stile Anni Venti, nel cuore di South Beach.

Ocean Drive è anche tappa ideale per chi adora la vita da spiaggia: dal jogging mattutino in riva al mare, per godere delle vibrazioni positive del sole che sorge, al relax sotto le tende di una cabana beach per godere di tutti i comfort in riva all’oceano.

Lincoln Road

Lincoln Road, Miami Beach

Lincoln Road è una vasta area commerciale a cielo aperto, dedicata allo shopping, al buon cibo e ai divertimenti che solo South Beach sa offrire.

Un melting pot di stili, colori, personaggi di stile, modelli, artisti di strada e turisti che si incontrano tutti nella mall, cuore pulsante delle attività diurne e serali lontane dalle spiagge di Miami Beach

Downtown Miami

Downtown Miami

Situato proprio di fronte alla splendida Baia di Biscayne, Downtown Miami è un quartiere vivo, dalle bellezze artistiche e storiche, dove non mancano i luoghi per lo svago e lo shopping. Piacevolissime le passeggiate nella bella location del Bayfront Park, o nella caotica Biscayne Boulevard, che separa Downtown da Bayfront Park.

Little Havana

Calle 8, Little Havana a Miami

Little Havana (o La Pequeña Habana), è il quartiere di Miami che ospita la più grande comunità cubana e latina al mondo. Il cuore pulsante è certamente Calle Ocho che ospita diversi monumenti commemorativi riguardanti tappe importanti della storia di Cuba. I murales danno carattere e vivacità ad alcune zone, mentre teatri, ristoranti e parchi fanno di Little Havana un luogo di interesse culturale dove andare con tutta la famiglia.

Art Deco District

Cardozo hotel, Miami Beach

Situato a South Beach, l'Art Deco District è una zona di Miami Beach con la più alta concentrazione di edifici in stile art decò al mondo. Un ventennio di colorato caribe che riporta Miami in un’epoca colorata, quasi magica e probabilmente la più concreta e vicina alle proprie origini: in ogni angolo si respira calore, dalle forme particolari delle decorazioni degli edifici, fino ai colori vivaci con i quali sono state dipinte le facciate di alberghi e case.

Coconut Grove

CocoWalk, Miami

Considerato il distretto elegante della città, a Coconut Grove è raccolta l’anima stravagante di Miami, dove si affollano ricchi e divi del cinema, che vivono in case pregiate e ville lussuose con affaccio sull’oceano.

Tante le cose da vedere, dai musei ai magnifici parchi, ai ristoranti con viste mozzafiato dove mangiare e numerosi negozi dove fare shopping.

Villa Vizcaya

Villa museo Vizcaya, Miami

Una incantevole villa museo in stile europeo, un colpo d’occhio eccezionale che permette di ritrovare a Miami un pezzo del Vecchio Continente. Costruita agli inizi del ‘900, la Villa Vizcaya per volere dell’industriale James Deering, appassionato di cultura ed arte europea, in molti angoli si respira un vero e proprio inno all’Italia, con rievocazioni architettoniche che ricordano, ad esempio Venezia, con ponti ed approdi al mare.

Wynwood

Wynwood e la Art Walk, Miami

È il quartiere artistico di Miami, famoso per la sua Art Walk. Questa zona è ricca di gallerie d’arte aperte fino a tardi, locali alla moda e bar per “intellettuali”, dove si può trascorrere la serata fra un drink e una visita a qualche mostra temporanea.

Zoo di Miami

Metrozoo di Miami

È il parco zoologico più grande e più vecchio della Florida e l'unico sub tropicale degli Stati Uniti. Al suo interno sono ospitati animali di ogni tipo, con alcuni dei quali è possibile interagire e dar loro da mangiare. Tante le attrazioni all'interno dello zoo, con i suoi 30 mila e oltre metri quadrati di superficie, ospitanti più di 3000 animali di 500 specie diverse.

Liberty City

Liberty City, Miami

A nord ovest di Downtown, questo è un quartiere ricco di storia ed è stato teatro della terribile rivolta del 1980, nata dalle tensioni createsi in seguito alla promulgazione delle leggi a favore dei diritti civili delle persone di colore.

Bayfront Park

Bayfront Park, Miami

Inaugurato nel 1925, il Bayfront Park è il parco urbano di downtown, ricco di attrazioni per tutti gusti.
All’interno del parco si possono trovare ristoranti e locali aperti ad ogni ora del giorno, la soluzione ideale per chi vuole divertirsi in città.

Coral Castle

The Coral Castle, Miami

È un castello di pietra, costruito interamente da rocce di corallo tramite strumenti fatti in casa da un solo scultore, Edward Leedskalnin il quale ha impiegato ben 28 anni della sua vita (dal 1923 to 1951) in questa straordinaria impresa.

Lummus Park

Lummus Park Miami

Uno splendido parco proprio di fronte alla spiaggia, ad Ocean Drive, nella zona di South Beach. Un posto ideale dove fare sport, portare a passeggio i cani e concedersi una camminata salutare affacciati sulla spiaggia.

Miami Seaquarium

Miami Seaquarium

Il parco è stato creato da Fred D. Coppock e dal Capitano W.B. Gray nel 1955. In breve tempo, diviene noto come l’acquario marino più grande non solo degli Stati Uniti, ma come la più grande attrazione dedicata alla vita dell’oceano in tutto il mondo.

Una delle attrazioni principali del parco è sicuramente Lolita, l’orca più anziana mantenuta in cattività dell’intero pianeta. Arrivata al Seaquarium nel 1970, si era unita a Hugo, altro esemplare di orca presente nel parco.

Perez Art Museum

Perez Art Museum, Miami

Il Perez Art Museum di Miami, conosciuto come PAMM, è un museo moderno dedicato esclusivamente all’arte contemporanea. Infatti, al museo è possibile ammirare opere di artisti di fama internazionale che hanno creato i loro capolavori tra il ventesimo e il ventunesimo secolo.

Miami in 4 giorni: itinerario completo

Sebbene non sia una delle metropoli più grandi degli Stati Uniti, Miami, di sicuro, è una delle città più popolari, famosa per le sue spiagge e il suo inconfondibile skyline.

Con questo tour di 4 giorni vi porterò alla scoperta di tutte le zone più interessanti, dei suoi quartieri più conosciuti, da Miami Beach a Coral Gables, per concludere con un tour delle Everglades, una delle regioni più famose della Florida, apprezzata per le sue bellezze naturalistiche.

Prima di cominciare

Come muoversi a Miami: il metromover
Come muoversi a Miami: il metromover

Prima di partire per il nostro itinerario di 4 giorni a Miami e nelle Everglades, è utile sapere come muoversi nella zona di Miami e di Miami Beach.

Al contrario di molte altre grandi città americane, Miami non ha un vera e propria metropolitana, ma un sistema di trasporto elevato chiamato Metrorail, composto da 2 linee, una verde e una arancione, e serve tutta la città, da Dadeland al Miami International Airport.

Il Metromover, invece, è un treno sopraelevato completamente gratuito che si muove su tre percorsi circolari (Inner, Brickell e Omi Loop) attorno ai quartieri di Downtown e Brickell.

Il Trolley, una sorta di tram su gomma, serve 10 linee che coprono le aree più significative della città.
Il Metrobus, invece, è il tradizionale servizio di autobus, composto da 95 linee.

Per spostarsi da Miami a Key Biscayne, Miami Beach, Bayside Marketplace e altre zone della città si possono utilizzare anche i Watertaxi.

Miami Beach ha anche un servizio di Trolley tutto suo, che serve quattro linee: Alton – West Loop, Middle Beach Loop, Collins Link e North Beach Loop.

Giorno 1: Downtown Miami – Key Biscayne – Virginia Key

Al contrario di quello che si può pensare, la città di Miami non ruota tutta attorno alla cittadina di Miami Beach, allo shopping e al divertimento.

Downtown

Downtown Miami
Downtown Miami

Inizieremo il nostro viaggio da quello che è considerato il cuore della città, cioè il quartiere di Downtown.

Ricordatevi che per spostarsi in questa zona si può utilizzare il comodissimo Metromover, che dalla sua posizione sopraelevata ci consente anche di godere di una magnifica vista sull’intera città.

Scendiamo alla fermata della Freedom Tower, perché è proprio da questo edificio, simbolo della città, che inizierà il nostro primo giorno a Miami.

Costruita sul modello della torre Giralda, in Spagna, questa torre è stata per lungo tempo sede del Miami News e del Miami Metropolis.

Il nome Freedom Tower le venne dato quando l’edificio divenne un centro di smistamento per gli immigrati cubani. Da qui, ci dirigiamo verso Gesu, la chiesa cattolica più antica della città, poi continueremo a camminare fino alla First Street Metromover Station.

Godiamoci il panorama della città dall’alto, finché il Metromover non arriverà alla Museum Park Metromover Station, situata proprio all’interno della zona conosciuta come Museum Park, dove sono concentrate molte delle attrazioni più interessanti del quartiere.

A partire dall’American Airlines Arena, sede della famosa squadra dei Miami Heats.

Dopodiché, potremo visitare due dei musei più famosi della città: il Perez Art Museum, dedicato all’arte del XX e del XXI secolo, e il Phillips and Patricia Frost Museum of Science, che ospita un Planetario, un Acquario e numerosi percorsi espositivi dedicati al mondo della scienza.

Risaliamo sul Metromover e scendiamo alla Bayfront Park Station. Passeggiamo per Bayfront Park, ammiriamo il Bayfront Amphitheater e pranziamo in un locale carino con vista sulla baia.

Key Biscayne e Virginia Key

La bellissima Key Biscayne
La bellissima Key Biscayne

Dopo una passeggiata lungo Biscayne Boulevard, dal molo di partenza dei water taxi, saltiamo su una delle caratteristiche imbarcazioni di colore giallo, e ci dirigiamo verso Key Biscayne, dove potremo passeggiare un po’ per Crandon Park, che offre ai visitatori una vista meravigliosa con le sue dune di sabbia, le mangrovie e le sue spiagge, che sono tra le più belle di Miami.

Dalla parte opposta dell’isolotto, all’interno del Bill Baggs Cape Florida State Park c’è il Faro di Cape Florida, un bellissimo edificio storico che è riuscito a resistere a diverse guerre e a numerosi uragani e che ancora oggi si offre alla vista in tutta la sua gloriosa maestosità.

Da Key Biscayne risaliamo sul water taxi: direzione Virginia Key. Questa piccola isola attigua a Key Biscayne, infatti, è sede del famoso Miami Seaquarium, dove è possibile assistere alle spettacolari acrobazie dei delfini.

Flagler Street

Una volta ritornati a Downtown, potremo saltare di nuovo sul Metromover e scendere alla Government Center Metromover Station, da dove è possibile raggiungere facilmente West Flagler Street e l’History Miami Museum.

Dirigendoci verso East Flagler Street incontreremo i grandi magazzini Macy's, il Seybold Building e Marhalls.

Flagler Street è il luogo adatto dove gustare un’ottima cena e concludere il nostro primo giorno di viaggio.

Giorno 2: Coconut Grove – Liberty City – Little Havana - Wynwood

Il secondo giorno inizia a sud di Downtown, nel famoso quartiere di Coconut Grove.

Per iniziare la giornata con stile, decidiamo di fare colazione al famoso Peacock Garden Café, in MacFarlane Road, nella zona del Peacock Park: mentre ci gustiamo il primo pasto della giornata, potremo immergerci nell’atmosfera unica tipica della Florida d’altri tempi.

Prima di spostarci verso un’altra zona del quartiere, ci concediamo una passeggiata e un po’ di shopping lungo la famosa Coco Walk, cuore del villaggio dello shopping di Coconut Grove.

Dopodiché prendiamo un autobus per raggiungere la celebre Villa Vizcaya, fatta edificare dall’industriale Charles Deering : battezzata con il nome di una delle più belle province spagnole, questa villa in stile rinascimentale, oggi trasformata in museo, e i suoi giardini, sono una delle attrazioni più popolari di Coconut Grove.

Liberty City

Raggiungiamo a piedi la Vizcaya Metrorail Station, per salire su uno dei treni che ci porterà fino alla nostra prossima tappa: Liberty City.

Liberty City è uno dei quartieri – simbolo della città, famoso per l’impegno dei suoi abitanti nella lotta per i diritti civili delle persone di colore. Visitare questo quartiere vuol dire intraprendere un viaggio nella storia dei diritti civili.

Iniziamo la nostra visita dal Martin Luther King Jr. Memorial Park, dove è stata eretta una statua del celebre predicatore Martin Luther King Jr. , poi ci spostiamo verso 62nd Street, sede del famoso murales dipinto dall’artista Oscar Thomas.

Adesso raggiungiamo Liberty Square, dove è tutt’ora visibile “Il muro”, testimonianza tangibile della segregazione razziale operata a Miami negli anni ’30. L’ultima tappa, prima di lasciare Liberty City, è il Miami Times Building, che per decenni è stato sede del quotidiano afro – americano di Miami.

Little Havana

Little Havana, Miami
Little Havana, Miami

Da Liberty City ci spostiamo verso Little Havana, dove potremo passeggiare per la colorata Calle Ocho e immergerci nel quartiere cubano della città; da non perdere i negozi di sigari cubani e la celebre Walk of Fame, che celebra diversi artisti famosi di origine cubana, come Celia Cruz e Gloria Estefan.

Dopo un buon pranzo in uno dei locali che servono specialità cubane, potremo regalarci un bel gelato alla Azucar Ice Cream Company e visitare altri simboli del quartiere quali il Maximo Gomez Park, il Cuban Memorial e la Plaza de la Cubanidad.

Wynwood

Nel pomeriggio ci godremo un tour guidato dell’eclettico quartiere di Wynwood, con le sue gallerie d’arte e i famosi Wynwood Walls.

Wynwood è famoso anche per le sue birrerie, dove potremo gustare dell’ottima birra artigianale. Dopo un gustoso aperitivo accompagnato da una birra di qualità, potremo cercare un locale dove gustarci una meritata cena.

Giorno 3: Miami Beach – Coral Gables – Homestead

Eccoci giunti al nostro terzo giorno di viaggio: dopo aver visitato Miami Beach, saluteremo la città di Miami per dirigerci verso la zona delle Everglades, che sarà protagonista indiscussa del nostro ultimo giorno di vacanza.

Miami Beach

Ocean Drive, South Beach
Ocean Drive, South Beach

Miami Beach, uguale South Beach, uguale Art Deco District: non possiamo lasciare la città senza prima visitare il quartiere che l’ha resa famosa!

Dopo una bella colazione, perciò, partiamo alla volta di South Beach, dove faremo un tour del famoso Art Deco District.

Il nostro punto di partenza è l’Art Deco Welcome Center & Art Deco Museum, da dove ci sposteremo verso Ocean Drive. Questa via non è famosa solo per lo shopping di lusso, ma anche per i suoi edifici Art Deco.

Tra i più interessanti segnaliamo il Park Central Hotel, Villa Casa Casuarina e il Carlyle Hotel. Anche Collins Avenue è sede di numerosi edifici Art Deco, come il St. Moritz Hotel e Essex House.

Dopo aver pranzato in zona (tra i migliori locali segnaliamo Red, The Steakhouse, Pubbelly e The Social Club at Surfcomber) e aver passeggiato per i viali del bellissimo Lummus Park, torniamo a Miami, destinazione Everglades.

Coral Gables, Homestead

A Downtown Miami prendiamo la nostra automobile a noleggio e partiamo. La strada che seguiremo per arrivare all’Everglades National Park è quella che passa attraverso la Ronald Reagan Turnpike e la US Highway 1.

La prima tappa del nostro viaggio verso le Everglades è Coral Gables. Anche se in molti pensano che Coral Gables faccia ancora parte della città di Miami, in realtà questa cittadina è un comune a sé stante.

Ciò che ha reso famoso Coral Gables sono i suoi edifici in stile Mediterranean Revival. Tra i suoi punti di maggiore interesse ci sono la Venetian Pool, il Biltmore Hotel e Merrick Park, il suo famoso shopping center.

Subito dopo Coral Gables c’è Pinecrest, una tranquilla cittadina di periferia immersa nella natura rigogliosa.

Non possiamo evitare di fermarci a dare un’occhiata ai suoi famosi giardini, i Pinecrest Gardens: una vera e propria oasi che, nei suoi 12,5 acri, ospita almeno 1000 specie di piante rare ed esotiche e un’infinità di alberi di palma.

Riprendiamo il nostro viaggio verso sud. Scendendo ancora verso sud incontriamo Homestead, dove ci fermeremo a dormire per la notte.

Una volta arrivati ci recheremo a vedere il misterioso e affascinante Coral Castle, le cui maestose sculture in pietra sono capaci di mozzare il fiato.

Di tutt’altro genere è il famoso circuito automobilistico Miami Speedway: visitarlo è un’esperienza davvero da non perdere.

Dopo una cena in uno dei tanti ristoranti della città, ci fermeremo a dormire in un albergo: ce ne sono diversi che offrono soluzioni piuttosto economiche.

Giorno 4:  Everglades National Park – Shark Valley Visitor Center – Everglades City - Miami

Gita nelle Everglades, Florida
Gita nelle Everglades, Florida

Eccoci giunti al nostro quarto e ultimo giorno di viaggio. Anche se la città di Miami è molto bella, e merita di essere esplorata a fondo, anche l’area delle Everglades non è da meno. Cosa c’è da fare qui? Tanto! Se preferisci altre destinazioni, scopri i nostri consigli sui dintorni di Miami.

Di certo molto di più di quello che si riesce a fare in una sola giornata. È difficile anche scegliere la nostra destinazione, perché il Parco Nazionale delle Everglades copre un territorio molto vasto. Se andiamo a sud, percorrendo la 9336, attraversiamo il parco fino ad arrivare al Flamingo Visitor Center: un luogo piuttosto spartano, da dove si può partire per dei bellissimi tour guidati a piedi, per scoprire la flora e la fauna del parco, o in barca, per andare a visitare la bellissima Florida Bay.

Noi, però, abbiamo deciso di dirigerci a nord: passando per Shark Valley, giungeremo fino a Everglades City.

Ci alziamo di buon’ora, ci godiamo una gustosa colazione e poi ci rimettiamo in marcia. La nostra destinazione? Il Shark Valley Visitor Center, all’interno dell’Everglades National Park.

Man mano che ci allontaniamo da Homestead, seguendo la FL- 997 e poi la US 41 W, il paesaggio che ci circonda si modifica, con la città che cede il posto all’aperta campagna: ci stiamo avvicinando al paradiso naturale delle Everglades.

In circa un’ora arriviamo al Shark Valley Visitor Center. Da qui non si vede il mare, siamo in mezzo alla foresta, ma ci sono ugualmente delle viste mozzafiato di cui godere.

Se avessimo più tempo, potremmo percorrere a piedi lo spettacolare sentiero che si addentra nella foresta fino alla torre di osservazione alta 65 piedi, ma noi abbiamo solo un giorno per vedere tutte le meraviglie del parco, perciò optiamo per un caratteristico tour in tram. Il tour, della durata di due ore circa, consente di ammirare la fauna e la flora dell’Everglades National Park, con guide naturalistiche esperte che indicano le cose più interessanti da osservare.

A circa metà percorso, incontreremo una piattaforma di osservazione posta a circa 13 metri di altezza, che consente di godere di una vista davvero unica.

Finito il nostro emozionante giro risaliamo in macchina, diretti verso Everglades City, che raggiungeremo in circa 50 minuti, sempre continuando a percorrere la US – 41.

Everglades City è una graziosa cittadina situata sulla costa sud – ovest degli Stati Uniti, che viene definita come “The Gateway to the 10.000 Islands”.

Una volta giunti a destinazione, ci concediamo un bel pranzo a base di pesce (la specialità della zona), per poi esplorare un po’ la città: è meglio visitare subito l’edificio coloniale dalle facciata rosa che ospita il Museum of the Everglades, o rischiamo di non riuscire a vederlo una volta tornati dal nostro tour in barca (il museo chiude alle 16:00).

Per concludere in bellezza il nostro emozionante viaggio, non ci resta che imbarcarci e partire per un tour delle 10.000 Isole in barca della durata di un’ora e mezza circa. Una volta ritornati con i piedi per terra, risaliamo in auto e imbocchiamo la US – 41, che in un’ora e mezza circa ci riporterà a Miami, da dove ci imbarcheremo per il volo di ritorno.

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (5 voti, media: 4,80 su 5)
Loading...
 

I più richesti di Miami e Miami Beach

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.