domenica , 30 aprile 2017
Home > Musica > Biografia di Tupac Shakur

Biografia di Tupac Shakur

Tupac Amaru Shakur nasce a New York, il 16 giugno 1971. La madre Afeni Shakur, che fa parte di un movimento che si batte per i diritti dei neri, il Black Panhter, lo da alla luce 40 giorni dopo il suo rilascio dal carcere dove era stata rinchiusa in quanto accusata di essere stata coinvolta in un attentato dinamitardo. Tupac Amaru sono parole inca e significano “serpente brillante”, mentre Shakur deriva dall’ arabo e significa “grato a Dio”.

Trascorre l’infanzia nel Bronx e ad Harlem quartiere nel quale si trova il gruppo teatrale, al 127 Street Ensemble, nel quale viene iscritto all’ età di 12 anni, e col quale esordirà un anno dopo nella commedia “A raisin in the sun” nel ruolo di Travis. Dopo aver cambiato ancora molte volte residenza a New York, Tupac assieme alla madre e alla sorellastra Sekiwa si trasferisce a Baltimore e all’età di 15 anni comincia a scrivere le prime liriche firmandole con il nome di “M.C. New York” e contemporaneamente frequenta per due anni la “School of the Arts” studiando recitazione e ballo.

Successivamente, nel 1988, Tupac e famiglia si trasferiscono a Marin City (Bay Area-California) ed è qui che Tupac comincia a fare vita di strada e a spacciare droga. Nel frattempo il patrigno di Tupac, Mutulu Shakur, è condannato a 60 anni di reclusione perché risultato colpevole di una rapina a mano armata avvenuta nel 1981. Nella Bay Area Tupac collabora con il rapper Ray Luv dando origine al gruppo “One nation mc’s”. In seguito avviene l’incontro con i Digital Underground con i quali Tupac collabora nel 1990 con un featuring nel brano “Same song” e mentre Tupac è impegnato nei tour scopre che sua madre fa uso di crack.

La performance con i Digital Underground gli vale il contratto con la Interscope Records e il 12 novembre del 1991 debutta il suo primo album “2pacalypse now” contenente la hit “Brenda’s got a baby”. Poco prima dell’ uscita dell’ album, nell’ottobre del ’91, Tupac accusa due poliziotti di averlo aggredito brutalmente e così decide di fare causa per 10 milioni di dollari alla polizia di Oakland. In seguito, nel Texas, un ragazzo influenzato dalle violente liriche del rapper uccide un ranger e così si cerca, invano, di ritirare dal mercato “2pacalypse now”, mentre nel frattempo Tupac debutta come attore nel film “Juice”. Il primo febbraio del 1993 esce il suo secondo album “Strictly for my N.I.G.G.A.Z.” e supera il milione di copie vendute. I guai con la giustizia si moltiplicano. Nel marzo del ’93 fa due settimane di carcere per aver malmenato il regista Allan Hughes e meno di un mese dopo, il 5 aprile del ’93, rientra in carcere per 10 giorni, colpevole di aver aggredito un rapper durante un concerto. Pochi mesi dopo ottiene una parte nel film “Poetic Justice” ma in seguito ancora problemi con la legge.

Nell’ ottobre del ’93 viene arrestato per aver sparato a due poliziotti fuori servizio e un mese dopo viene accusato di aver abusato sessualmente di una sua fan conosciuta in un night di New York e questa vicenda gli impedisce di partecipare alle riprese del film “Higher Learning”. Nell’ aprile del ’94 viene arrestato a Los Angeles per possesso di armi e droga e il 30 novembre del 1994 è vittima di un attentato a New York. Viene colpito da 5 colpi di pistola mentre esce da uno studio di registrazione di Times Square.

Mentre è ancora convalescente per le ferite riportate viene giudicato colpevole degli abusi sessuali del novembre del ’93 e incarcerato nel “Clinton Collectional Facility” di New York. Contemporaneamente esce il terzo album, “Thug Life” (c’è chi traduce l’espressione con “vita da duro” e chi con “vita da bandito”), e mentre è in carcere il quarto album, “Me Against The World”, contenente la bellissima “Dear Mama” candidata anche al titolo di “best song” agli MTV Music Awards del 1995. L’ album raggiunge subito la prima posizione nelle classifiche di Billboard. Mentre Tupac è incarcerato approfondisce la conoscenza con Suge Knight il boss della “Death Row Records”. E’ proprio Knight che paga la cauzione, di 1,4 milioni di dollari (ben oltre 2 miliardi di lire), che consente a Tupac di uscire di prigione.

Nel frattempo è ormai guerra con alcuni artisti della east-coast quali Notorious B.I.G. e Sean “Puffy” Combs che Tupac ritiene essere coinvolti nella sparatoria che lo ha visto vittima a Times Square nel ’94. Inoltre Tupac accusa Notorious B.I.G. di avergli rubato numerose liriche, approfittando del fatto che lui fosse in prigione. Quattro mesi dopo la scarcerazione esce il quinto album di Tupac (un doppio album), “All Eyez On Me”, e si colloca immediatamente al numero uno delle classifiche di Billboard e supera le 6 milioni di copie vendute in pochissimi mesi (adesso l’album ha superato le 10 milioni di copie vendute).

Ormai Tupac si sente in constante pericolo e agli MTV Music Awards del ’96 si presenta circondato da numerose guardie del corpo con le quali è in contatto con un walkie-talkie che tiene sempre in mano. Sempre agli MTV Music Video Awards del ’96 è coinvolto in una rissa con Nas. Il 7 settembre del ’96 Tupac assieme a Suge Knight si reca all’ MGM di Las Vegas per assistere all’ incontro di boxe dell’ amico Mike Tyson che combatte contro Bruce Seldon. L’incontro dura 109 secondi e all’ uscita dall’ MGM Tupac, Knight e le guardie del corpo del rapper scatenano una rissa, ripresa dalle telecamere dell’ MGM, ai danni di Orlando Anderson un membro della banda chiamata “Southside Crips”. Tupac sale sull’ auto di Suge Knight e si dirige al club del boss della “Death Row Records” il “662” per un concerto di beneficenza.

Alle 23.15 circa mentre i due sono in viaggio, da una Cadillac bianca, con a bordo quattro uomini, che si affianca alla BMW 750 di Suge Knight, partono 12 colpi di pistola, e di questi 5 colpiscono Tupac (che è solito girare con un giubbotto antiproiettili ma questa volta ne è sprovvisto: si dirà, inseguito, per via del caldo) al petto, mentre Knight rimane illeso. Sul posto si reca un’ ambulanza che trasporta il rapper all’ University Medical Centre dove nell’ arco di sei giorni viene sottoposto a tre operazioni e alla rimozione del polmone destro. Tupac Amaru Shakur viene dichiarato morto alle 4:03 del pomeriggio di venerdì 13 settembre 1996 in seguito a complicazioni respiratorie. Il suo corpo viene cremato il giorno dopo.

Altri articoli che potrebbero interessarti

5 commenti

  1. Sei stato grande..e comunque ha fatto di tutto per cambiare il mondo! Ma da solo non può. Potremo cercare di aiutare anche noi.

  2. tupac sei stato un grande nessuno sarà mai come te, sei stato un rivoluzionario, hai difeso i nostri diritti nessuno ti dimenticherà mai FRATELLO sei un grande e sarai x sempre nei nosri cuorii!!!!!!!!!!!

    • tupac è un esempio, nn poteva cambiare il mondo da solo ma ci ha dato tanti segnali per alzare la testa per riprenderci la nostra libertà, la nostra vita…
      grande tupac

  3. alberto caroli

    tupac sei un grande nessuno può essere migliore di te, e anche se sei morto per me resterai sempre come una persona in vita e che non potrà mai morire. RESPECT YOU BROTHER -THUG LIFE

  4. Grande Tupac, il mi gliore, sempre. <3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *