MoMa, New York: le opere, gli orari e i biglietti

Il MoMA di New York

Scrivi un commento per primo / di Francesca Mereu / aggiornato: 11 Aprile 2019

 

Importante! Chi andrà a New York tra il 16 giugno e il 20 ottobre 2019 non potrà visitare il MoMA, che rimarrà chiuso per lavori. Alla riapertura, nuove gallerie e nuovi spazi (che si preannunciano meravigliosi) arricchiranno il museo.

Un viaggio a New York è bello anche perché dà la possibilità di visitare alcuni tra i musei più importanti del mondo.

In particolare, il Museum of Modern Art, meglio noto come MoMA, rappresenta un richiamo irresistibile per esperti d’arte moderna e contemporanea, “simpatizzanti” e anche per chi è assolutamente digiuno della materia, ma curioso.

Indiscusso punto di riferimento a livello culturale e artistico, il MoMA custodisce e condivide una collezione eccezionale e variegata che include oggetti di design, disegni, sculture, dipinti, fotografie d’arte, serigrafie, illustrazioni, pellicole e opere multimediali.

Di quali artisti? Facciamo qualche nome: Umberto Boccioni, Paul Cézanne, Marc Chagall, Salvador Dalí, Giorgio de Chirico, Edgar Degas, Paul Gauguin, Edward Hopper, Frida Kahlo, Vasilij Kandinskij, Georgia O’Keeffe, Henri Matisse, Claude Monet, Pablo Picasso, Jackson Pollock, Vincent van Gogh, Vasily Kandinsky, Andy Wharol.

Oltre a possedere una collezione permanente tra le più invidiate al mondo e a proporre esposizioni temporanee di primo piano, il MoMA dispone di una ricca biblioteca, di un laboratorio di conservazione e di preziosi archivi.

A tutto questo si aggiungono i suoi programmi educativi di altissimo livello: sessioni educative gratuite, incontri e proiezioni cinematografiche.

In breve, il MoMA è un vero e proprio tempio dell’arte.

Dove si trova

Nel cuore di Manhattan, all’indirizzo 11 W 53rd Street, tra la Fifth Avenue e la Sixth Avenue (Avenue of the Americas).

Come arrivare

In metro, con la linea E, fermata 5th Avenue – 53rd Street.
Se alloggiate a Times Square, potete arrivare a piedi con una bella passeggiata.

Cosa vedere

La notte stellata di Van Gogh, una delle opere da non perdere al MoMa di New York
La notte stellata di Van Gogh, una delle opere da non perdere al MoMa di New York

Il museo si sviluppa su sei piani (ve li presentiamo dall’alto verso il basso, come fa lo stesso MoMA nel suo sito web):

  • Piano 6. Mostre speciali
  • Piano 5. Gallerie della collezione, dal 1880 al 1959 (questo è il piano in cui si concentrano i quadri e le sculture più famose)
  • Piano 4. Gallerie della collezione, dal 1960 al 1969
  • Piano 3. Mostre speciali
  • Piano 2. Gallerie contemporanee – Mostre speciali – Marron Atrium – Accesso al Centro educativo
  • Piano 1. Giardino delle sculture

Come avrete intuito, la visita si inizia solitamente dall’alto e, più precisamente, dal quinto piano, salendo con l’ascensore e poi proseguendo verso i piani inferiori.

Nei momenti di maggiore affollamento, tuttavia, qualcuno sceglie di iniziare dal basso, in attesa che il numero di persone nei piani superiori diminuisca.

Tra le opere da non perdere, ricordiamo:

  • Il famosissimo La notte stellata, uno degli ultimi dipinti di Van Gogh, del 1889. Realizzato quando il pittore era ricoverato in un ospedale psichiatrico, rappresenta un paesaggio notturno di Saint-Rémy-de-Provence prima del sorgere dell’alba
  • Les demoiselles d’Avignon, del 1907, con il quale Picasso passa dal naturalismo al cubismo
  • Forme uniche della continuità nello spazio di Boccioni, scultura rappresentata anche nelle monete italiane da 20 cent
  • Ancora di Boccioni, Dinamismo di un footballer, dipinto futurista dedicato al calcio e datato 1913
  • L’olio su tela di Salvador Dalì La Persistenza della Memoria, opera surrealista con i curiosi orologi molli (la cui idea fu suggerita all’artista dalla “ipermollezza” del camembert, il formaggio che aveva mangiato poco prima)
  • La Danza I di Matisse, ispirato al movimento continuo della vita
  • Water Lilies (Le Ninfee) dell’impressionista Monet. Lui stesso coltivava questi magnifici fiori nella sua casa in Francia. Il quadro fa parte del ciclo delle ninfee che comprende circa duecentocinquanta dipinti di Monet
  • One: Number 31, realizzato nel 1950 da Pollock. L’artista dipinse questo capolavoro dell’espressionismo con la tela poggiata sul pavimento
  • Il sogno di Henri Rousseau, dipinto del 1910. Il pittore rappresentò questo paesaggio esotico senza aver mai visto di persona nulla di simile
  • Le famose lattine di Warhol, 32 Campbell’s Soup Cans, create con una tecnica di stampa serigrafica in parte meccanizzata. L’opera consiste in trentadue tele, ognuna delle quali grande 51 cm × 41 cm, che rappresentano tutte le varietà dei barattoli di zuppa Campbell che si trovavano in commercio
  • La bandiera di Jasper Johns, pittore statunitense considerato il maggiore esponente del New Dada
  • Ruota di bicicletta, opera del 1913 dello scultore francese dadaista Duchamp

Se il tempo lo consente, ricordate di andare a vedere l’Abby Aldrich Rockefeller Sculpture Garden, il giardino delle sculture nel quale spicca una enorme rosa (Rose II) di Isa Genzken. Anche se avete il pollice verde, non riuscirete mai a far crescere un fiore alto come questa scultura: quasi 11 metri!

E per iniziare a visitare il MoMA ancora prima di essere partiti per New York, c’è Google Arts & Culture, che mostra alcune delle opere più importanti del museo.

Orari e prezzi dei biglietti

Il museo è aperto tutti i giorni dalle 10.30 alle 17.30.

Venerdì l’orario è più esteso: la chiusura è alle 20.00.

Il giorno del Ringraziamento e il giorno di Natale il museo rimane chiuso.

Prezzo dei biglietti:
• Adulti $25
• >65 anni $18 (con documento di identità)
• Studenti $14
• <16 anni: ingresso gratuito

Acquista il biglietto prioritario

Ogni venerdì dalle 16.00 si può entrare gratuitamente, grazie alla sponsorizzazione di UNIQLO.

Infatti, la grande azienda giapponese di abbigliamento casual fin dal 2013 ha sponsorizzato la UNIQLO Friday Nights gratuita, appuntamento che ha reso possibile ad oltre 1,6 milioni di newyorkesi e visitatori di accedere gratuitamente alla collezione, alle mostre e alle proiezioni di film del MoMA.

L’ingresso gratuito è una bella opportunità, ma vi aspetta anche una lunga fila all’ingresso!

Per evitare la ressa del venerdì sera e allo stesso tempo non entrare “a prezzo pieno”, ricordate che l’ingresso al MoMA è compreso in tanti pass per New York!

I negozi del MoMA

Il negozio del MoMa di New York
Il negozio del MoMa di New York

Quando si visita il MoMA, una tappa per fare shopping all’insegna del design è d’obbligo.

Al museo o nelle vicinanze

Un MoMA Design Store si trova attraversando la strada davanti al museo, all’indirizzo 44 West 53 Street. Propone oggetti di design che coniugano raffinatezza e utilità, oltre ad articoli esclusivi in vendita solo al MoMA.
Lo troverete aperto tutti i giorni dalle 9.30 alle 18.30 e il venerdì dalle 9.30 alle 21.00.

Al secondo piano del MoMA si trovano invece il Museum Store e la libreria (Book Store), che possono essere visitati soltanto da chi accede al museo.

Il Museum Store si trova accanto ad un bar interno al museo e ad un salone con vista sul giardino delle sculture.

Questo negozio propone una ricca selezione di pubblicazioni del MoMA e irresistibili oggetti di design in stile moderno e contemporaneo.

Il Book Store si affaccia invece sulla lobby e comprende una selezione di libri e cataloghi legati all’arte e al design, articoli di cancelleria, per la scrivania e accessori personali.

A Soho

A New York, un altro interessante MoMA Design Store si trova nel quartiere di SoHo, all’indirizzo 81 Spring Street.

Nel mondo

Altri negozi MoMA si trovano un po’ più lontano, in Giappone! A Tokyo nel quartiere di Shibuya e a Kyoto.

Online

Per chi sta viaggiando solo con la fantasia – per il momento – c’è anche il negozio online che effettua spedizioni anche verso l’Italia.

Mangiare al museo

Il MoMA offre diverse opzioni, per pasti veloci o meno.

Al primo piano, un moderno ristorante americano con due stelle Michelin (e che e ha ottenuto una valutazione di tre stelle dal New York Times): The Modern, aperto a pranzo e a cena.

Al secondo piano, il Cafe 2 è molto adatto alle famiglie e serve piatti di ispirazione italiana.

Oppure, c’è il pratico Espresso Bar, per una pausa veloce.

Al quinto piano, infine, il Terrace 5 è un punto di ristoro tranquillo che propone una selezione di piccoli piatti realizzati con ingredienti di stagione.

Fotografare e disegnare al MoMA

È permesso fare fotografie per uso personale solo nelle gallerie delle collezioni. Non si possono usare flash, treppiedi o prolunghe per macchine fotografiche.

Le riprese per uso personale sono permesse soltanto nell’ingresso.

Se volete dare sfogo al vostro estro come disegnatori, sappiate che nelle gallerie è consentito fare schizzi (esclusivamente a matita) su blocchi da disegno di formato massimo 21,6 × 27,9 cm.

Al MoMA con i bambini?

Una lunga visita “classica” al MoMA potrebbe annoiare i bambini, specialmente i più piccoli.

Tuttavia, il museo ha creato spazi e attività su misura per le famiglie con bambini (per lo più, in lingua inglese): tour, laboratori artistici, zone interattive, proiezioni di film.

Se intendete andare al MoMA i bambini, date un’occhiata a questa pagina del sito ufficiale.

I più grandicelli potranno anche apprezzare le guide audio (disponibili anche in italiano sul sito del MoMA).

Un po’ di storia

Il MoMA è nato nel 1929 dall’idea di tre donne: Abby Aldrich Rockefeller (moglie di John D. Rockefeller Jr), Lillie P. Bliss e Mary Quinn Sullivan, soprannominate The Ladies.

Le tre danarose signore intendevano realizzare una casa dell’arte moderna e contemporanea e, allo stesso tempo, un’istituzione educativa destinata al pubblico di ogni età.

Riuscirono brillantemente nel loro intento: già dall’inizio l’esposizione annoverava opere di Van Gogh, Gauguin, Cézanne, e il museo seppe progressivamente affermarsi a livello internazionale.

Le sei salette inizialmente affittate all’interno dell’Heckscher Building (che oggi si chiama Crown Building) al 730 Fifth Avenue, ben presto non bastarono più.

Nel tempo, il museo cambiò quindi sede più volte, trovando dimora presso l’attuale indirizzo a partire dal 1932.

L’edificio che ospita il MoMA è stato più volte rinnovato ed ingrandito nel corso degli anni, arrivando quasi a raddoppiare i suoi spazi, e oggi occupa un intero isolato.

Il MoMA PS1

Questo museo è una seconda sede del MoMA; si trova nel Queens ed è focalizzato sull’arte contemporanea.

Al MoMA PS1 (questo il suo sito ufficiale) viene dato ampio spazio alla sperimentazione e ai lavori di artisti emergenti tramite mostre, spettacoli, performance ed eventi musicali.

Il “PS1” del nome significa “Public School One”, perché l’edificio che ospita il centro era precedentemente una scuola.

Il museo, affiliato al MoMA dal 2000, era nato nel 1971 con il nome di Art and Urban Resources Inc e con il fine di dare spazio all’arte contemporanea all’interno di spazi urbani abbandonati.

Dove si trova

22-25 Jackson Avenue, Long Island City.

Come arrivare

Tramite le linee E e M della metro, fino alla fermata Court Square – 23 Street Station.

Cosa vedere

Il MoMA PS1 non dispone di una esposizione permanente: trattandosi di una grande istituzione di arte contemporanea “non collezionabile”, opera con un ricco calendario di esposizioni temporanee.

Al museo potrete però sempre ammirare le installazioni a lungo termine, alcune delle quali esposte da tanti anni.

Queste opere sono di diverse tipologie e dimensioni: alcune ben evidenti, altre posizionate in modo più discreto.

Orari e prezzi dei biglietti

Il museo apre dalle 12.00 alle 18.00.
Chiuso il martedì e il mercoledì, il giorno del Ringraziamento e nei giorni di Natale e Capodanno.

Prezzi dei biglietti:
• Adulti $10
• >65 anni $5 (con documento di identità)
• Studenti $5
• <16 anni e residenti a New York: ingresso gratuito.

I biglietti del MoMA PS1 a prezzo pieno danno diritto ad uno sconto pari all’importo del biglietto d’ingresso per il MoMA.

Mangiare e fare shopping al MoMA PS1

Appetito?

GM. Wells Dinette, l’eclettico ristorante-caffetteria del PS1 che aveva aperto nel 2012, ha chiuso i battenti a fine febbraio 2019.
Per mangiare, da aprile 2019 ci sarà il nuovo ristorante di Mina Stone, la chef specializzata in piatti di ispirazione greca e nota al pubblico soprattutto per “Cooking for Artists”, libro del 2015 nel quale le sue ricette sono accompagnate da disegni realizzati da artisti.

Per un po’ di compere al museo, si può fare un salto al negozio ARTBOOK @ MoMA PS1 per scoprire riviste e libri di arte contemporanea, nuovi o fuori stampa, edizioni limitate, prodotti MoMA PS1, CD, DVD e libri relativi agli attuali spettacoli di New York.

Cosa vedere nelle vicinanze del MoMA

C’è l’imbarazzo della scelta: Central Park, Times Square, il Rockefeller Center e Top of the Rock, la Cattedrale di San Patrizio, l’Empire State Building.

Il MoMA di San Francisco

Proprio così, esiste un MoMA anche a San Francisco.

Esiste fin dal 1935, si chiama “San Francisco Museum of Modern Art” ed è meglio noto come SFMOMA.

È – a sua volta – uno dei più grandi musei di arte moderna e contemporanea degli Stati Uniti, con opere di artisti come Frida Kahlo, Gerhard Richter e Andy Warhol e Julie Mehretu e ha anche lui il suo giardino di sculture all’aperto.

Però no, non è “parente” del MoMA di New York!

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (Lascia un voto per prima/o)
Loading...
 

I più prenotati di New York

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.