Quando andare a New York

Quando andare a New York

La ricchezza degli eventi e delle iniziative che animano la città di New York, la rendono sempre interessante. Purtroppo, climaticamente parlando, New York d’estate ha un clima molto umido e gli inverni sono rigidi. È meglio, quindi, non sottovalutare il fattore meteo prima di partire per la Grande Mela, per non rovinarci la vacanza.

Meteo a New York

L’inverno a New York è lungo e rigido, le precipitazioni sono molto copiose e il più delle volte si trasformano in nevicate abbondanti, visto che le temperature sono spesso sotto lo zero.
Per fortuna, l’aria è secca, quindi, il freddo anche se intenso è sopportabile.

Anche l’estate registra un alto tasso di precipitazioni: le frequenti piogge rendono l’aria molto umida e le temperature elevate. In generale, non possiamo dire che sia la condizione ideale per visitare la città.

Anche se le mezze stagioni hanno un clima davvero variabile, in cui non si può sapere con largo anticipo se pioverà molto o se ci saranno giornate soleggiate, l’autunno può essere il periodo ideale per visitare New York. Le temperature non sono nè troppo calde e nemmeno rigide, può capitare di trovare giornate soleggiate. Ad ogni modo lo spettacolo delle foglie che si ingialliscono e cadono, dona una cornice più suggestiva.
Anche la primavera è una stagione che consigliamo per una visita di New York, grazie alle temperature piacevoli.

MAX MIN PRECIP. (mm)
gennaio -5° 93,7
febbraio -4° 77,7
marzo 103,6
aprile 14° 12° 103,1
maggio 20° 17° 113,8
giugno 25° 20° 87,6
luglio 28° 19° 105,9
agosto 27° 19° 102,9
settembre 27° 16° 102,9
ottobre 23° 88,9
novembre 11° 101,6
dicembre -2° 98

Festività a New York

La Grande Mela festeggia le principali ricorrenze della nazione; in concomitanza con il periodo natalizio (dal giorno del Ringraziamento – 4° giovedì di novembre – fino ai primi giorni dell’anno nuovo) si addobba a festa, con luminarie e alberi ovunque.

Le parate, una delle attrazioni principali per i turisti, spesso coincidono con le feste “comandate”, anche se non ne mancano in periodi diversi, ad esempio in occasione di San Patrizio (17 marzo) o San Gennaro (in settembre).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.