alcatraz san francisco

Alcatraz, San Francisco

Scrivi un commento per primo / di Carlo Galici / aggiornato: 14 dicembre 2017

 
0 Condivisioni

Alcatraz è una fortezza situata su un’isola poco distante dalla Baia di San Francisco, diventata famosa per essere stata un penitenziario di massima sicurezza, che ha sempre affascinato l’opinione pubblica e sul quale sono stati scritti libri e girati film (“Fuga da Alcatraz” del 1979). La leggenda vuole che nessuno dei prigionieri che hanno tentato di evadere abbiano vissuto per raccontarlo… Ma di fatto, ci furono ben 26 tentavi di evasione in 29 anni, non tutti però andati a buon fine.

L’isola di Alcatraz è sotto la tutela della Golden Gate National Recreation Area: la visita all’ex penitenziario più famoso del mondo è un’esperienza davvero unica.

Storia

La storia di Alcatraz inizia nel 1854, quando “The Rock“, come è chiamata la fortezza, fungeva da faro per accogliere le navi che arrivavano a frotte in città per la famosa caccia all’oro.
Ben presto ci si accorse che la posizione isolata la rendeva il luogo ideale dove insediare una colonia penale.
Nel 1870 Alcatraz iniziò la sua lunga carriera come penitenziario, dapprima militare e poi, dal 1934, come carcere di massima sicurezza. Durante il suo periodo di attività, l’isola ospitava non solo i prigionieri, ma anche le circa 70 famiglie del personale della prigione.

Il penitenziario ha ospitato criminali “famosi” come Al Capone, George “Machine Gun” Kelly (noto in italia come George “Mitragliatrice” Kelly Barnes) e Robert “The Birdman Stroud”.
Il 21 marzo del 1963 il penitenziario di massima sicurezza cessò definitivamente di operare, ufficialmente a causa del rapido deterioramento delle strutture, che lo rendeva pericoloso sia per i prigionieri che per il personale; in realtà, a pesare sulla decisione di chiudere la struttura furono anche le dure condizioni di vita imposte ai carcerati.

Negli anni ’70 l’isola venne assediata da un gruppo di indiani che decisero di stabilirvisi per protestare contro il trattamento ricevuto dal governo, ma che desistettero in fretta a causa delle dure condizioni in cui si trovarono a vivere.

Visitare Alcatraz

La visita all’isola e all’ex penitenziario inizia al Pier 33 (vicino a Fisherman’s Wharf) luogo di partenza dei traghetti. I gruppi pronti ad imbarcarsi, prima di salire a bordo, vengono fotografati con il panorama di Alcatraz sullo sfondo. Il viaggio in traghetto dura all’incirca una ventina di minuti.

All’arrivo, ai visitatori viene fornita una mappa ed un ranger dà alcune indicazioni utili per il tour, che è autoguidato. Dopodichè si può iniziare la propria visita, che di solito dura dalle 3 alle 4 ore.

Vicino alla zona di attracco, all’interno della caserma, si può vedere un video, realizzato da Discovery Channel che parla di Alcatraz e di quello che si andrà a visitare. È consigliabile visionare prima il video non solo per arrivare più preparati alla visita della prigione, ma anche per evitare di imbattersi in una lunga fila di persone che seguono le nostre stesse tappe del tour.

Risalire la collina

Una volta visto il video, si può iniziare a risalire la collina che porta verso il penitenziario. Lungo la strada si incontrano diversi edifici interessanti come la Guardhouse, al cui interno è ancora presente un cannone, anche se un cartello indica che i cannoni erano quasi del tutto caduti in disuso quando Alcatraz era operativa in veste di prigione militare.

Poco più avanti c’è l’Officers Club. Questo edificio, che inizialmente fungeva da ufficio postale e da emporio, più avanti divenne la sede di una sala da bowling, di una palestra e di una sala da ballo.

Alcatraz: la prigione

La visita autoguidata alla prigione di Alcatraz inizia dalla sala delle docce, dove ai visitatori viene fornita un’audioguida che narra la storia del penitenziario, tappa per tappa, raccontata dalla voce di ex dipendenti ed ex prigionieri (l’audioguida è disponibile in inglese, tedesco, italiano, francese, spagnolo e giapponese).

Curiosità

Se pensate di visitare San Francisco e Alcatraz, ci sono alcune cose che è utile sapere per non avere brutte sorprese:

  • i biglietti per la vistita ad Alcatraz sono molto richiesti, e si esauriscono in fretta, perciò è meglio acquistarli con almeno un mese o due in anticipo rispetto alla data in cui si intende recarsi a San Francisco (vengono messi in vendita anche degli standby – tickets ma si esauriscono in fretta, tanto che per ottenerli le persone si mettono in coda già dalle sei del mattino);
  • i traghetti per Alcatraz partono dal Pier 33 ogni trenta minuti, mentre, per il ritorno, ce n’è uno in partenza ogni ora.

Dove mangiare

I visitatori sono invitati a non portarsi dietro cibi e bevande da consumare sull’isola, dove non sono presenti rivendite di generi alimentari. Sul traghetto è possibile acquistare snack e bevande.

Come arrivare

Piers 33, da dove partono i traghetti per Alcatraz della Alcatraz Cruises, è raggiungibile in auto (si può parcheggiare senza problemi), con i mezzi pubblici e con i taxi.

Il modo migliore per raggiungere il Pier 33 è prendere la Streetcar E oppure F e scendere alla stazione che si chiama “The Embarcadero & Bay St”, da qui sono due passi a piedi per il molo.

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (2 voti, media: 4,50 su 5)
Loading...
 

I più prenotati di San Diego

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.