Festa del ringraziamento a Plymouth

Thanksgiving Day d’eccellenza, a Plymouth

 
1 Condivisioni

Se la località Plymouth non vi suona nuova, scavate fra le reminiscenze della storia imparata fra i banchi di scuola e rammenterete che proprio qui approdarono i Padri Pellegrini nel lontano 1620: dopo essere sopravvissuti alle insidie di una traversata oceanica, trovarono un Nuovo Mondo incolto e si affidarono a Dio perchè i semi, da loro portati dall’Europa, germogliassero.

Grazie alla collaborazione con i nativi americani, riuscirono ad avviare una prima economia di sostentamento e sopravvivere: un anno dopo (nel 1621) con il loro primo raccolto, i Pellegrini e la comunità degli indiani si unirono e celebrarono il primo pranzo di ringraziamento.

In questo modo, a Plymouth (meno di un’ora in auto da Boston), nacque la ricorrenza di Thanksgiving Day nel XVII secolo, ancora oggi una delle feste più amate dagli americani; non poteva Plymouth (orgoliosamente definita la città dove è nata l’America) non riservare celebrazioni d’eccellenza per questa circostanza, incentrate sul senso storico, sull’orgoglio nazionalistico e patriottico.

Da 19 anni a questa parte l’Annual America’s Hometown Thanksgiving Celebration è considerata la miglior kermesse per Thanksgiving Day di tutti i 50 Stati; anche quest’anno le celebrazioni si tengono nel weekend che antecede la festività, dal 21 al 23 novembre.

L’evento centrale è senza dubbio la parata di sabato 22, che parte alle 10,30 dal Pilgrim Memorial Park, pregna di significato: dopo i figuranti che vestono i panni del Padri Pellegrini e i carri che ricreano le ambientazioni del XVII secolo, scorrono i 4 secoli di storia (da Abramo Lincoln alle missioni spaziali) e di cultura americana (come il carro con il tacchino del pranzo di Thanksgiving Day e la casa di Santa Claus), incorniciati da bande e drum corps, da mezzi militari di oggi e ricostruzioni di combattenti di ogni tempo. La folla acclama la parata e sventola bandiere stelle e strisce.

Se l’assaggio storico proposto dalla parata avesse stuzzicato il vostro interesse per le vicende americane, non perdete l’occasione di visitare l’Historic Village, nei pressi del porto: qui, sabato 22 la storia prende vita in ricostruzioni ambientali davvero ricercate, partendo dai primi e critici momenti che vissero i Padri Pellegrini in America, dopo aver abbandonato il certo per l’incerto, si passa poi al malcontento che porterà alla guerra di secessione, ai movimenti delle suffragette e, infine, ai drammi del XX secolo.

Oltre alla storia, all’Historical Village ci sarà anche spazio per soddisfare una gustosa curiosità: il primo pranzo di Thanksgiving fu proprio come quello che consumano oggi gli americani o era qualcosa di ben diverso? Fate un salto al The Wampanoag Educational Pavilion e ogni dubbio sarà fugato.

Fra un’emozione e l’altra, lo stomaco affamato reclamerà e non sarà certo un sacrificio fare un salto al New England Food Festival: dalle 11 alle 16 di sabato 22 si potranno degustare saporite chowder, zuppe, dolci e altre specialità della zona; dopo un buon pasto, l’ideale è fare quattro passi, magari fra le bellissime proposte degli artigiani al porto (sabato e domenica dalle 11 alle 16).

Al calar del sole di venerdì 21, Plymouth non mancherà di assumere un’atmosfera davvero unica: “Illuminate” è l’evento che prevede l’illuminazione della downtown, ai piedi di Cole’s Hill, di Main e Court Street con 400 candele. Il numero di candele richiama i quasi 400 anni che sono trascorsi da quando i Padri Pellegrini sbarcarono a Plymouth e il significato che vogliono trasmettere è quello di pace e fratellanza, proprio come quel legame che unì i primi americani ai nativi, la popolazione Wampanoag. Per l’occasione sarà rilasciata un’app a tema e, inoltre, anche l’omologa Plymouth britannica sarà gemellata a questa incantevole iniziativa…

Per gli amanti della cultura americana, niente è più speciale che vivere il “compleanno” del Thanksgiving Day nella sua terra natìa, a Plymouth, la piccola cittadina del Massachussets entrata a buon diritto nella storia non solo statunitense, ma di tutto il mondo.

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (Lascia un voto per prima/o)
Loading...
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *