Itinerario on the road da Denver

Da Denver sulle tracce di Buffalo Bill

Scrivi un commento per primo / di Carlo Galici / aggiornato: 3 gennaio 2018

 
66 Condivisioni

Un viaggio nel West degli Stati Uniti significa scoprire una varietà di paesaggi unici per le loro bellezze naturali, e città dal grande fermento culturale.

L’itinerario on the proposto parte da Denver, in Colorado. Naturalmente è necessario noleggiare un auto per poter vivere al meglio lo spirito di libertà di questa zona degli USA.

Denver

Denver, Colorado
Denver è la capitale del Colorado. La città è situata nell’altopiano ad est delle Montagne Rocciose, che incorniciano la città con un maestoso sfondo, e ne costituiscono una delle maggiori attrattive naturali.

La fondazione di Denver risale al 1858, quando nasce come città mineraria.

Denver è soprannominata High – Mile City, con riferimento alla sua altitudine sul livello del mare misurata in un miglio, mentre storicamente, dato il suo importante contributo all’economia agricola dell’area circostante, era conosciuta come Queen City of the Plains (Città Regina delle Pianure).

Denver offre un interessante mix di bellezze naturali e attrattive culturali, che la rendono una destinazione appetibile per un ampio ventaglio di viaggiatori. Per chi ama la natura c’è solo l’imbarazzo della scelta, fra parchi cittadini e gite appena fuori dall’abitato urbano: da segnalare il Rocky Mountain National Park, ricco di un’incredibile varietà di flora e fauna, il Denver Botanical Garden, e Mount Evans, luogo ideale per osservare il mutare dei colori delle stagioni.

Per chi preferisse un bagno di cultura, è d’obbligo una visita al Denver Art Museum e alla sua collezione di arte moderna e dei Nativi d’America, così come al Kirkland Museum of Fine & Decorative Art, che espone importanti opere d’arte del Colorado, oltre che del panorama artistico internazionale.

Scopri le migliori attività da fare a Denver

Cheyenne

Denver – Cheyenne 164 km | 102 miglia
Cheyenne, Wyoming
Cheyenne è la capitale dello stato del Wyoming. Il nome “Cheyenne” è un omaggio alla tribù dei Nativi Americani Cheyenne, popolo delle Grandi Pianure.

All’epoca della sua fondazione, avvenuta nel 1867, la città era conosciuta come Magic City of the Plains: dalle altre regioni del paese si guardava a Cheyenne come al luogo che poteva offrire la possibilità di un lavoro e un miglioramento delle proprie condizioni di vita.

Cheyenne è nota come la città del rodeo e delle ferrovie: uno dei suoi principali punti di interesse è il Cheyenne Depot, con annesso il Depot Museum: si tratta di uno degli ultimi esempi di ferrovia transcontinentale del XIX secolo, anche nota per essere una delle più belle stazioni ferroviarie del nord america.

Un ottimo modo per iniziare a scoprire la città è anche il tour organizzato della città su tram turistico, con un conducente – guida che illustra passo passo tutti i principali luoghi di interesse. Il giro dura circa 90 minuti.

Di sicuro interesse per una visita in città anche il Wyoming State Museum, museo che permette di avere una panoramica sulla storia dello stato del Wyoming, dalla preistoria ai giorni nostri, con accurate ricostruzioni storiche degli ambienti e interessanti esposizioni.

A fine luglio a Cheyenne si svolgono le feste dei Frontier Days, un evento celebrativo che rievoca l’epoca della conquista di queste terre: per dieci giorni la città è in festa, e il fulcro dei festeggiamenti è il rodeo, occasione di esibizione dei cowboy in sella ai loro cavalli. A Cheyenne si trova anche il Cheyenne Frontier Days Old Museum, museo a tema che ricostruisce la storia della gloriosa epopea della conquista della frontiera.

Black Hills

Cheyenne – Black Hills 447 Km | 278 miglia
Black Hills, South Dakota
Le Black Hills sono una catena montuosa che nasce nel sud Dakota e si estende fino al Wyoming. Il territorio delle Black Hills è strettamente legato alla storia e alla cultura del popolo dei Lakota, che hanno dato loro il nome di Pahà Sapà (“colline nere”, in lingua lakota). La catena montuosa è abitualmente divisa in due aree, quella delle Southern Hills, e le Northern Hills. Nella zona delle Southern Hills si trovano due siti di grande interesse, il Mount Rushmore National Memorial e il Crazy Horse Memorial.

Mount Rushmore National Memorial

Black Hills – Mount Rushmore National Memorial 44,9 km | 27,9 miglia
Mount Rushmore National Memorial
Il Mount Rushmore National Memorial è un imponente complesso scultoreo (alto 20 metri) che raffigura i volti di quattro fra i presidenti che hanno fatto la storia degli Stati Uniti: George Washington, Thomas Jefferson, Theodore Roosevelt, e Abraham Lincoln. I lavori, condotti dallo scultore Gutzon Borglum, iniziarono nel 1927, e proseguirono per più di un decennio, portati avanti in seguito da Lincoln Borglum, figlio dello scultore, dopo la sua morte.

Una visita al Mount Rushmore National Memorial unisce la bellezza naturale delle Black Hills a un’immersione nella storia americana. I mesi di più grande afflusso turistico sono quelli estivi, e il periodo consigliato comprende i mesi di maggio, settembre, e ottobre. In un paio di ore si può visitare il Lincoln Borglum Visitor Center (dove si trovano una mostra, e un filmato di 15 minuti che racconta il processo di lavoro del complesso scultoreo), camminare lungo il sentiero presidenziale per vedere da vicino i volti scolpiti dei presidenti americani, e visitare lo studio dello scultore Gutzon Borglum.

Crazy Horse Memorial

Mount Rushmore National Memorial – Crazy Horse Memorial 26 Km | 16,1 miglia
Il Crazy Horse Memorial è una scultura ancora in costruzione, nel territorio del Dakota del sud, dedicata alla figura di Cavallo Pazzo, leggendario guerriero Sioux. Si decise di realizzarla come “indennizzo” per i terreni espropriati al popolo dei Sioux per la costruzione del Memoriale dedicato ai presidenti americani.

L’opera è ricavata sul fianco della Thunderhead Mountain. Si dice che, quando sarà ultimata, sarà la più grande scultura nella roccia mai costruita.

Devil’s Tower

Crazy Horse Memorial – Devil’s Tower 182 Km | 113 miglia
Devil's Tower
Devil’s Tower (il cui vero nome in lingua Lakota è “Torre dell’Orso”) è un monolite che si trova nello stato del Wyoming, ed è monumento nazionale, oltre che montagna sacra per i nativi americani. Si tratta di un antico vulcano assopito. Attorno ad essa si estende l’omonimo parco nazionale. Devil’s Tower fu il primo monumento nazionale ad essere istituito come tale nel 1906 da parte di Theodore Roosevelt, che intendeva così preservarla. Qui il regista Steven Spielberg, attratto dalla suggestione del luogo, girò alcune scene del suo film Incontri ravvicinati del terzo tipo.

Little Big Horn

Devil’s Tower – Little Bighorn Battlefield Monument 330 Km | 205 miglia
little bighorn battlefield memorial
Little Bighorn Battlefield Monument è dedicato alla memoria della battaglia svoltasi il 25 giugno 1876 fra i Lakota – Cheyenne e il battaglione 7° Cavalleggeri dell’esercito statunitense, comandato dal tenente colonnello George Amstrong Custer, in seguito alla richiesta avanzata dal governo statunitense alle popolazioni Lakota e Cheyenne di tornare nella Riserva Sioux preparata in seguito al Trattato del 1868. Il rifiuto dei Nativi Americani scatenò la famosa battaglia, che si svolse accanto al torrente Little Bighorn, nel Montana. Nella battaglia furono gli americani ad avere la peggio, cadendo quasi fino all’ultimo uomo.

Billings

Little Bighorn Battlefield Monument – Billings 102 Km | 63,2 miglia
Billings
Billings è la capitale della contea di Yellowstone, nel Montana. Fondata nel 1877, si trova vicino al luogo della battaglia di Little Big Horn.

Le Rimrocks sono suggestive formazioni rocciose che dominano la città, luogo ideale per una passeggiata, o, per i più sportivi, per praticare l’arrampicata.

Il Yellowstone Art Museum è un museo che raduna opere di artisti locali della contea di Yellowstone. Piccolo e ben organizzato, può rappresentare un piacevole intermezzo per gli amanti dell’arte.

Cody (la città fondata da Buffalo Bill)

Billings – Cody 172 Km | 106 miglia
Cody
La città di Cody fu fondata nel 1868 dal leggendario Buffalo Bill , pseudonimo del colonnello William Frederick Cody. Cody si trova ai piedi delle Montagne Rocciose, nel Wyoming. Qui, dove ancora aleggia la presenza dell’americano più celebre al mondo, si può assaggiare l’autentico vecchio west americano.

Immancabile una visita al Buffalo Bill Historical Centre, che racconta la vita di Buffalo Bill anche attraverso i suoi oggetti personali. Il museo è diviso in cinque sezioni, fra le quali sono da segnalare quella dedicata agli Indiani delle pianure, e il museo di storia naturale. Un altro modo per scoprire la città, e insieme le vicende storiche e umane di Buffalo Bill, è il tour a bordo del Cody Trolley, che porta i turisti in giro per la città per circa un’ora.

Un altro museo dove è possibile studiare la cultura dei Nativi Americani è il Plains Indian Museum.

La Whitney Gallery of Western Art presenta un’interessante collezione di opere d’arte del west americano, dal primo ‘800 fino all’epoca contemporanea.

Nei mesi estivi tutte le sere viene offerto uno spettacolo di rodeo al Cody Nite Rodeo, mentre la Dan Miller’s Cowboy Music Revue propone un musical con canzoni tradizionali del west.

Parco di Yellowstone

Cody – Parco di Yellowstone 83,8 Km | 52,1 miglia
Parco di Yellowstone
Il Parco di Yellowstone è il più grande e più antico parco degli Stati Uniti d’America, dichiarato patrimonio dell’Unesco nel 1978. Il parco ha cinque entrate: due dal Wyoming, e tre dal Montana.

In questo parco unico al mondo si trova un concentrato di meraviglie naturali, e una fauna fra le più variegate.

E’ consigliabile noleggiare una macchina per girare all’interno del parco, calcolando almeno tre giorni di esplorazione.

Il Parco di Yellowstone è suddiviso in diverse zone: quella dei geyser, quella delle sorgenti termali, il Grand Canyon, e i laghi, tutte meritevoli di una visita.

I biglietti e le migliori attività da fare a Yellowstone

Parco Nazionale del Grand Teton e Jackson Hole

Parco di Yellowstone – Parco Nazionale del Grand Teton 11 Km | 6,9 miglia
Parco Nazionale del Grand Teton
Il Parco Nazionale del Grand Teton si trova nel Wyoming, e per accedervi, si può usare lo stesso biglietto acquistato per il Parco di Yellowstone.

Il parco venne istituito nel 1929, per poi essere esteso alla valle di Jackson Hole, nel 1950. Nel 1970 venne collegato allo Yellowstone, attraverso una strada panoramica.

Il Parco del Grand Teton, meno conosciuto e più tranquillo dello Yellowstone, offre scenari di grande bellezza che invitano a passeggiate ed escursioni: ci si può muovere a piedi, in bicicletta, o in canoa, lungo i laghi che si trovano all’interno del parco, primo fra tutti il Jackson Lake. Il parco è dominato dalla catena montuosa del Grand Teton, che incornicia anche la Jackson Hole, valle nella quale si trova la graziosa cittadina di Jackson, rinomata per i negozi e ristoranti alla moda e le gallerie d’arte.

Il Grand Teton National Park è anche una riserva naturale, che ospita numerose varietà di piante e specie animali, come orsi, alci, bisonti, cervi, e molti uccelli. E’ possibile prendere parte a tour organizzati con la guida di esperti ranger, che, mentre si visita la riserva, potranno aiutare ad avvistare in tutta sicurezza gli animali.

Salt Lake City

Jackson Hole – Salt Lake City 465 Km | 289 miglia
Salt Lake City
Salt Lake City è la capitale dello stato dello Utah. Fondata nel 1847 da un gruppo di mormoni, prende il suo nome dal Grande Lago Salato accanto al quale sorge. Prima dell’arrivo dei mormoni, il territorio apparteneva alla tribù indiana dei Shoshone.

La Piazza del Tempio è un elemento caratterizzante la città di Salt Lake City, che racchiude gli edifici più significativi della Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni.

Per gli appassionati del tema dinosauri vale la pena fare una visita al Natural History Museum of Utah, dove sono custoditi reperti fossili e archeologici, e dove è possibile anche avere una panoramica sulla geologia dello Utah.

Il Big Cottonwood Canyon si trova a 40 minuti circa dalla città, ed è occasione per una gita nella natura: qui è possibile godere di una bella vista sulle montagne innevate, fare piacevoli passeggiate, e sciare in inverno.

Scopri le migliori attività da fare a Salt Lake City

Moab e Arches Park

Salt Lake City – Moab 376 Km | 234 miglia
Arches National Park
Moab è una città dello Utah. Il suo nome ha origini bibliche, e si riferisce a un’area situata ad est del fiume Giordano.

La maggior parte dei visitatori arriva a Moab per visitare il vicino Arches National Park, famoso per i suoi numerosi e spettacolari archi naturali di arenaria, fra i quali il Delicate Arch, simbolo dello Utah.

Un altro punto di grande interesse nei pressi di Moab è il Canyonlands National Park: il più grande parco nazionale dello Utah è un immenso paesaggio di canyon dal colore rossastro, paradiso per gli amanti della fotografia, e luogo ideale degli sportivi, che possono praticare canottaggio, trekking, o girare il parco in mountain bike.

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (3 voti, media: 3,00 su 5)
Loading...
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *