Mount Rushmore, South Dakota

Visita al Mount Rushmore National Park

 

Situato in South Dakota, il Monte Rushmore, conosciuto anche come “Shrine of Democracy”, il santuario della democrazia, è uno tra i simboli dell’America più famosi e conosciuti.

Nelle sue vicinanze si trovano altri monumenti e bellezze naturali che rendono questa zona una tappa imprescindibile per chiunque decida di visitare il nord degli Stati Uniti.

Perché monte Rushmore?

È lo stesso Charles Rushmore, l’uomo da cui la montagna ha preso il suo nome, a spiegare in una lettera inviata al signor Robinson perché la vetta delle Black Hills del South Dakota è stata battezzata con il suo cognome.

Giovane avvocato all’inizio della sua carriera, Rushmore venne inviato da alcuni suoi clienti in South Dakota per acquisire i diritti su una miniera; qui fece amicizia con gli uomini del posto.

Nella lettera, il signor Rushmore descrive il battesimo di quella particolare vetta come un fatto del tutto casuale: “[…]Una volta, mentre osservavo dalla sua base, quasi con meraviglia, quella magnifica vetta, chiesi il suo nome agli uomini che erano con me. Dissero che non aveva un nome. Ma uno di loro esclamò «Le daremo un nome adesso, e la chiameremo Rushmore Peak» […]”.

Mount Rushmore National Memorial

Il Mount Rushmore National Memorial è un enorme monumento scolpito nella roccia del monte Rushmore, che si trova all’interno delle Black Hills del South Dakota e raffigura i volti di quattro tra i più famosi presidenti degli Stati Uniti.

“Lo scopo del memoriale è quello di raccontare la fondazione, l’espansione, la conservazione e l’unificazione degli Stati Uniti con mastodontiche statue di Washington, Jefferson, Lincoln e Theodore Roosevelt”. – Gutzon Borglum

Dopo che la sua idea di trasformare le vette dei Needles in statue celebrative si attirò lo sfavore delle popolazioni di Nativi Americani della regione, intorno alla metà degli anni ’20 uno storico del South Dakota, Doane Robinson, propose allora di utilizzare uno dei versanti del Monte Rushmore per scolpire una gigantesca scultura che rappresentasse i volti dei Presidenti che resero grande l’America.

I 4 Presidenti

I Presidenti scolpiti sul monte Rushmore, secondo gli ideatori del progetto, contribuirono a rendere grande l’America:

  • George Washington fu il primo Presidente degli Stati Uniti;
  • Thomas Jefferson, terzo Presidente, si occupò della stesura della Dichiarazione d’Indipendenza;
  • Theodore Roosevelt contribuì allo sviluppo economico degli Stati Uniti;
  • Abraham Lincoln, seppe traghettare il Paese attraverso il difficile periodo della Guerra Civile.

I lavori

I lavori vennero affidati al celebre scultore Gutzon Borglum, che si avvalse della collaborazione del figlio, Lincoln Borglum, e di altri 400 artigiani, per la loro esecuzione. Per completare l’opera furono necessari ben 14 anni di lavori, che presero il via nel 1927 e finirono nel 1941.

A causa delle spese sempre più esose, il progetto iniziale di scolpire i quattro busti dei Presidenti venne ridotto, e alla fine si decise di scolpirne solo i volti.

Luigi Del Bianco

Tra gli scultori si distinse per la sua bravura un italiano, Luigi Del Bianco, che si occupò del lavoro più delicato: scolpire i lineamenti dei quattro Presidenti.

Grazie alla tenacia della famiglia, Del Bianco è stato finalmente riconosciuto capo intagliatore e, proprio nel settembre del 2017, c’è stata la cerimonia per l’inaugurazione della targa in suo onore.

Dove si trova

Come abbiamo detto, il Monte Rushmore si trova nella catena montuosa delle Black Hills, in South Dakota, al confine con il Wyoming.

Il Mount Rushmore National Memorial è situato a circa 56 km (35 miglia) dal Rapid City National Airport, se si passa per la Highway 44.

Come raggiungerlo

Vista la scarsità di mezzi pubblici, il mezzo di trasporto migliore per raggiungere il Monte Rushmore è l’automobile.

Chi viaggia sulla I -90 deve prendere l’uscita di Rapid City e seguire la U.S. Highway 16 fino a Keystone, poi proseguire sulla Highway 244 fino al monte Rushmore.

Chi arriva da sud deve seguire la Highway 385 in direzione nord, verso la Highway 244.

Itinerario per la visita

Presidential Trail

Il modo migliore per godere al meglio della visita al Monte Rushmore è seguire  la Presidential Trail, un percorso lungo circa 900 metri situato nelle vicinanze di Keystone, che si snoda attraverso i boschi circostanti e racconta la storia dei quattro presidenti raffigurati e del monumento attraverso cartelli e placche posti lungo il sentiero.

Il periodo migliore per affrontare il percorso escursionistico della Presidential Trail, è da marzo a novembre.

Lincoln Borglum Visitor Center

Al Lincoln Borglum Visitor Center è possibile visitare alcune mostre e vedere un video di circa 15 minuti che spiega come e perché è nato il monumento.

Orari di apertura

Parcheggio e base del monumento

L’area del parcheggio e quella alla base del monumento sono aperte tutti i giorni dalle 5:00 alle 23:00 nel periodo che va da marzo a settembre e dalle 5:00 alle 21:00 nel periodo da ottobre a marzo.

Information Center

L’Information Center è aperto per tutto l’anno, tranne il 25 dicembre, e segue i seguenti orari:

  • da ottobre a fine maggio, dalle 8:00 alle 17:00;
  • da maggio ad agosto, dalle 8:00 alle 22:00;
  • agosto e settembre, dalle 8:00 alle 21:00.

Lincoln Borglum Visitor Center

Il Lincoln Borglum Visitor Center rimane aperto per tutto l’anno tranne il giorno di Natale e segue i seguenti orari:

  • da inizio ottobre a fine maggio, dalle 8:00 alle 17:00;
  • da fine maggio a inizio agosto, dalle 8:00 alle 22:00;
  • da inizio agosto a fine settembre, dalle 8:00 alle 21:00.

Illuminazione serale e cerimonia di illuminazione

Il monumento viene illuminato ogni sera per tutto l’anno. Durante i mesi primaverili ed estivi si tiene anche la cerimonia di illuminazione (ha inizio il venerdì che precede il Memorial Day).

Orari di accensione dell’illuminazione:

  • da inizio ottobre a inizio marzo, dal tramonto alle 21:00;
  • da inizio marzo a fine maggio, dal tramonto alle 23:00;
  • da fine maggio a inizio agosto, dalle 21:30 alle 23:00;
  • da agosto fino a fine settembre, dalle 20:30 alle 23:00.

Orari della cerimonia di illuminazione:

  • da fine maggio a inizio agosto, 21:00;
  • agosto e settembre, 20:00;
  • da inizio ottobre a fine maggio, non si tiene.

Sculptor’s Studio

Al momento lo Sculptor’s Studio è sottoposto a lavori di restauro e riaprirà nella primavera del 2019.

Cosa vedere nelle vicinanze

Crazy Horse Memorial (Statua di Cavallo Pazzo)

Memoriale di Cavallo Pazzo

Il Crazy Horse Memorial è una enorme scultura scolpita nelle Black Hills del South Dakota che raffigura il famoso capo Sioux Cavallo Pazzo.

Il monumento, la cui costruzione, iniziata nel 1947, è tutt’ora in corso, fu fortemente voluto da un altro capo della tribù degli Oglala Lakota (Sioux), Henry Standing Bear, per onorare la memoria dei Nativi Americani del Nord America.

Per la realizzazione di questa enorme scultura, Henry Standing Bear volle servirsi dell’esperienza del famoso scultore Korczak Ziolkowski, giunto nelle Black Hills per partecipare ai lavori del Mount Rushmore National Memorial. 

La particolarità di quest’opera, oltre alle sue dimensioni (il viso di Cavallo Pazzo è alto più di 26 metri mentre l’opera totale, una volta finita, dovrebbe avere un’altezza di ben 195 metri) e al fatto che la sua costruzione sia ancora in corso, risiede anche nel modo in cui viene finanziata, cioè attraverso i soldi raccolti dalla Fondazione ad essa dedicata, senza avvalersi di alcun contributo statale.

Jewel Cave National Monument

Il Jewel Cave National Monument è una bellissima grotta situata nei pressi di Custer, scoperta attorno al 1900 da due fratelli, Fred e Albert Michaud.

Nei loro resoconti scritti, i Michaud descrivevano l’ingresso della caverna come un buco troppo piccolo per lasciar passare un uomo. Dopo averlo allargato servendosi della dinamite, Fred e Albert scoprirono che l’interno era disseminato di cristalli di calcite, che brillavano alla luce delle lanterne, creando un’atmosfera magica: furono proprio quei cristalli che li convinsero a trasformare la Jewel Cave in un’attrazione turistica.

Nel 1908 la grotta venne proclamata Monumento Nazionale dal presidente Theodore Roosevelt.

Con il passare degli anni,  alcuni iniziarono a domandarsi se la Jewel Cave, per quanto bella, non fosse troppo modesta per poter essere considerata un monumento ma nel 1959, grazie al geologo Dwight Deal e ai coniugi e scalatori professionisti Herb e Jan Conn, all’interno della grotta venne aperta una nuova via, che la allungò di ben 96 Km: a causa di vari intoppi burocratici, però, la nuova area panoramica, gli ascensori, i parcheggi e il visitor center poterono essere inaugurati solo negli anni ’70.

È proprio grazie alla scoperta di Deal e dei Conn, che la Jewel Cave, ad oggi, è una delle tre grotte più lunghe al mondo; e le correnti d’aria che si avvertono al suo interno suggeriscono che ci sia ancora tanto da scoprire.

Cosa fare

Oltre a prendere parte ad una visita guidata della caverna, è possibile camminare su diversi percorsi escursionistici nella zona circostante, ammirare la fioritura primaverile e praticare il birdwatching.

Wind Cave National Park

Wind Cave National Park

Il Wind Cave National Park è un’altra riserva naturale del South Dakota situata anch’essa nei pressi di Custer. Il parco, l’ottavo degli Stati Uniti, venne istituito dal Presidente Roosevelt nel 1903 per salvaguardare la grotta presente sul suo territorio, alla quale deve appunto il suo nome.

La Wind Cave (grotta del vento) è un’apertura naturale conosciuta già dalle popolazioni di Nativi Americani, che la ritenevano sacra. I primi occidentali a scoprirla furono, nel 1891, Jesse e John Bingham, che, passando da quelle parti, furono attratti dagli strani suoni provenienti da una cavità nella roccia.

La differenza tra la pressione atmosferica della caverna e quella esterna crea infatti delle correnti che sono ancora oggi una delle sue maggiori particolarità, oltre alle infinite stanze scoperte negli anni. 

I Bingham decisero di richiedere una concessione mineraria per esplorare la miniera ma, dopo averne allargato l’apertura servendosi della dinamite, rimasero delusi dal fatto che essa non contenesse risorse minerarie di valore.

La Wind Cave divenne così un’attrazione turistica che, dopo varie vicende giudiziarie, passò nelle mani del
Governo. Nel 1912, nell’area protetta del parco vennero liberati dei bisonti, la cui presenza nel Wind Cave Park lo ha reso un’importante riserva per la salvaguardia della flora, della fauna e dell’ambiente.

Cosa fare

Oltre a prendere parte ai tour guidati della caverna tenuti dai rangers, è possibile camminare sui ben 48 Km di sentieri che ricoprono le praterie e le foreste del parco, campeggiare e andare a cavallo.

Costo d’ingresso

L’ingresso del Mount Rushmore National Memorial si trova a Keystone, lungo la Highway 244.
L’accesso al Mount Rushmore National Memorial è totalmente gratuito, mentre per usufruire del parcheggio si paga una tariffa di $10 ($5 per chi ha superato i 62 anni di età) che consente di lasciare l’auto in sosta per l’intera giornata.

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (1 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *