Parco di Yellowstone, USA

Yellowstone National Park, Wyoming

Scrivi un commento per primo / di Carlo Galici / aggiornato: 3 gennaio 2018

 
35 Condivisioni

Il parco di Yellowstone è uno dei parchi più famosi non solo degli Stati Uniti, ma di tutto il mondo; istituito nel 1862, sotto la presidenza di Ulysses S. Grant, è stato la prima riserva naturale della storia.

Se avete deciso di intraprendere un viaggio alla scoperta del nord degli Stati Uniti non potete mancare di visitare questo meraviglioso parco. Nel suo territorio, che si estende per più di 8.000 chilometri all’interno dei confini di tre diversi stati, si trovano un’infinita varietà di specie vegetali e animali, paesaggi mozzafiato e fenomeni naturali unici al mondo.

In quali Stati si trova?

Come abbiamo detto, il territorio del parco di Yellowstone attraversa ben tre degli Stati Uniti del nord: la maggior parte si trova in Wyoming; una piccola parte si trova in Montana ed una piccolissima porzione, che si trova nella parte ovest, sconfina in Idaho.

Cosa vedere

Un territorio vasto come quello del parco di Yellowstone non può che offrire al pubblico una varietà infinita di cose da fare, ma soprattutto da vedere: paesaggi che tolgono il fiato e lasciano a bocca aperta, e fenomeni naturali che non mancano di affascinare il visitatore sono ciò che attende chi decide di avventurarsi in questa immensa riserva naturale.

Ecco, nel dettaglio, le cose più interessanti nelle quali potete imbattervi se decidete di attraversare i confini del parco:

I Geyser e le sorgenti di acqua calda

Sebbene sia molto conosciuto, il fenomeno dei geyser (sorgenti di acqua bollente caratterizzate da eruzioni periodiche) non è così facile da osservare dal vivo, in quanto si verifica in pochissimi luoghi sparsi per la Terra.

Grazie alla presenza di un’attività vulcanica molto sviluppata e alla particolare conformazione geologica del terreno, il parco di Yellowstone è la zona più estesa al mondo in cui si verificano questi fenomeni: pensate che all’interno del suo territorio ci sono circa 10.000 geyser attivi, che regalano ai visitatori uno spettacolo assolutamente imperdibile. Alcuni di essi eruttano con regolarità, e lo fanno almeno 300 volte all’anno.

Oltre ai geyser, all’interno del parco di Yellowstone si trovano anche numerose sorgenti di acqua calda.

Tra i maggiori siti in cui è possibile ammirare i geyser e le sorgenti termali ci sono:

Norris Geyser Basin

Il Norris Geyser Basin, situato nel nord ovest del parco, ha la particolarità di essere il sito in cui l’acqua erutta ad una temperatura maggiore rispetto alle altre zone dove sono presenti i geyser (237°).

Il bacino si divide a sua volta in Porcelain Basin, dove si trovano numerose sorgenti di acqua calda, e Back Basin, dove sono situati la maggioranza dei geyser.

Lower Geyser Basin

Nel Lower Geyser Basin, situato un po’ più a sud rispetto al precedente, si trovano almeno 100 crateri da cui erutta periodicamente acqua bollente e i Fountain Paint Pots, delle pozze di acque termali e argilla che, a causa della bassa pressione sprigionata dai crateri, ribollono e si mischiano, creando suggestive chiazze che assomigliano ad una tela astratta.

Midway Geyser Basin

Situato a metà tra il bacino superiore e quello inferiore, il Midway Geyser Basin, sebbene più piccolo rispetto agli altri, ospita diversi geyser spettacolari e alcune tra le sorgenti di acqua calda più grandi al mondo.

Upper Geyser Basin e Old Faithful

L’Upper Geyser Basin, che si trova a metà tra l’ingresso a sud e l’ingresso ovest del parco, è l’area più estesa in cui è possibile ammirare i geyser e le sorgenti termali. Poco più a nord, si trova uno dei geyser più famosi d’America, il leggendario Old Faithful, scoperto nel 1870 durante la Washburn Expedition.

Castle Geyser

Quello del Castle Geyser è uno spettacolo da non perdere: prima dell’eruzione vera e propria, infatti, il geyser accumula vapore che espelle con un fischio simile a quello di un treno.

West Thumb Geyser Basin

Il West Thumb Geyser Basin si trova a poca distanza dal Lake Yellowstone ed è una vera e propria caldera nella caldera.

Mammoth Hot Springs

Le Mammoth Hot Springs, situate nella parte nord – ovest   del parco, sono le sorgenti termali più spettacolari che si possono trovare a Yellowstone, con l’acqua calda che scende da una roccia terrazzata denominata Minerva Terrace.

Artists’ Paintpots

L’Artists’ Paintpots, nella parte ovest del parco, è un’area in cui si trovano pozze di acqua termale colorata e fanghi.

Grand Prismatic Spring

Si tratta della più grande sorgente termale di Yellowstone e della terza al mondo per dimensioni, ed è caratterizzata da una colorazione particolare; furono proprio queste sue caratteristiche a indurre Osborne Russell, un cacciatore di animali da pelliccia, ad annotarne la presenza nei suoi resoconti.

Dragon’s Mouth Spring 

Situata nella zona conosciuta come Mud Volcano, la Dragon’s Mouth Spring è la sua maggiore attrazione: grazie alla conformazione del sottosuolo, infatti, da questa specie di grotta fuoriescono vapore e acque termali che vengono agitate, un po’ come le onde del mare, dai gas naturali presenti nel sottosuolo.

Yellowstone Lake

Situato nella parte sud orientale del parco, a 2357 metri sul livello del mare, il Yellowstone Lake è il lago d’alta quota più esteso del nord degli Stati Uniti. È lungo circa 32 chilometri e largo 22, ed ha ben 226 chilometri di litorale.

Le sue acque si congelano completamente intorno a dicembre-gennaio e si scongelano in primavera, rimanendo comunque molto fredde (non superano mai i 5° centigradi). Il suo unico emissario è costituito dal Yellowstone River, nel quale si immette a nord, nella zona di Fishing Bridge. Il suo confine settentrionale è costituito dalle LeHardy Rapids.

Curiosità: Un’altra particolarità di questo lago, oltre alle sue dimensioni, è costituita dalla sua fauna, che comprende una vasta popolazione di pesci appartenenti alla specie della Trota Spietata, un esemplare tipico dell’Oceano Pacifico che, non si sa come, è finito in un bacino che sfocia nell’Atlantico.

Cosa fare?

Il Yellowstone Lake, con le sue acque cristalline e i paesaggi mozzafiato, è una delle attrazioni del parco che si devono visitare assolutamente.

Le zone più interessanti sono costituite dalla parte nord, dove si trova il Fishing Bridge, una struttura in legno costruita nel 1937 da cui è possibile ammirare i pesci che nuotano nelle profonde acque del lago, e il ramo ovest del lago, il cosiddetto West Thumb, dove si trovano numerosi geyser (uno di essi, il Fishing Cone Geyser, è un affascinante cono roccioso lambito dalle acque del lago).

Grand Canyon di Yellowstone

Grand Canyon Yellowstone

Quella del Grand Canyon di Yellowstone, uno dei maggiori canyon del nord degli Stati Uniti con i suoi 32 chilometri di lunghezza, 1200 metri di larghezza e 365 di profondità, è sicuramente una delle viste più affascinanti del Parco.

Come si è formato?

Il Canyon, relativamente giovane dal punto di vista geologico, ha la particolarità di essersi formato a causa dell’erosione, diversamente da molti altri canyon, che hanno origine glaciale.

A creare questa spettacolare gola sono state le acque del Yellowstone River, la cui sorgente si trova nella zona di Yount Peak, nella parte sud del parco, e risalgono per più di 900 chilometri, per tuffarsi nelle acque del Missouri, in North Dakota.

A testimonianza dell’intensa attività vulcanica che caratterizza tutto il parco, un tempo anche qui era presente uno dei tanti bacini disseminati di geyser, oggi scomparso. Il colore stesso delle pareti rocciose è il risultato dell’alterazione idrotermale provocata dall’azione combinata dei minerali e dei vapori sprigionati dai crateri.

Cosa vedere?

Il Grand Canyon di Yellowstone offre ai visitatori una vista stupenda sulle sue spettacolari cascate, che sono tre:

  • la Upper Falls, che è alta 33 metri e si può vedere dalla Upper Falls Trail e dalla Uncle Tom’s Trail;
  • la Lower Falls, alta poco più di 93 metri (più delle Cascate del Niagara), che si può ammirare da Lookout Point, Red Rock Point, Artist Point, dal ciglio della Lower Falls Trail e da diversi punti della South Rim Trail
  • a metà tra le due cascate ce n’è una terza, la Crystal Falls, da cui il Cascade Creek si tuffa nel canyon.

Oltre ai percorsi escursionistici già citati, che sono tra i più spettacolari e apprezzati tra gli oltre 900 km di sentieri presenti all’interno del parco, se volete ammirare il Grand Canyon e le sue cascate da un punto di vista privilegiato, dovete assolutamente salire sul Mount Washburn, nella parte centro settentrionale del Parco: con i suoi 3.107 metri di altezza, questa vetta di origine vulcanica consente di spaziare con lo sguardo fino a 80 km di distanza.

Tutto ciò si trova nelle vicinanze del Canyon Village, un complesso che ospita il Canyon Lodge, diversi caffè, un benzinaio e il Canyon Visitor Education Center, dove è possibile scoprire qualcosa in più sulla storia e sulla geologia del parco, sul suo vulcano e sui fenomeni che lo caratterizzano, come i geyser e le sorgenti di acqua calda.

Mappa dello Yellowstone Park

Mappa dello Yellowstone Park - i grandi parchi americani

Gli animali

Lupo dello Yellowstone

Tra le tante bellezze che il Parco di Yellowstone ha da offrire non ci sono solo fenomeni di origine vulcanica e paesaggi spettacolari, ma anche una ricca fauna, che comprende specie animali di rara bellezza.

Tra i luoghi migliori del parco per vedere gli animali che lo abitano ci sono la Hayden Valley e la Lamar Valley; ogni mese, ogni stagione, regala la vista di bellissime creature selvatiche, che vagano indisturbate per il territorio del parco. Ecco un calendario con le principali specie che è possibile ammirare durante i vari periodi dell’anno:

Gennaio e febbraio

Gennaio e febbraio sono i mesi del coyote e della volpe, del cigno trombettiere e dei lupi, che affollano la Lamar Valley.

Marzo

A marzo, con i primi accenni di primavera, gli orsi grizzly emergono dal letargo e iniziano ad arrivare gli uccelli migratori neotropicali (sialia o bluebird, sturnella, falco pescatore, pettirosso). Sono ancora presenti i lupi.

Aprile e maggio

Ad aprile e maggio la popolazione faunistica del parco è davvero vasta. Ci sono: bisonti, orsi neri, grizzly, alci americani, marmotte, scoiattoli di terra (ground squirrels), antilocapre americane, cuccioli di lupo.

Giugno

A giugno gli orsi si spostano nelle zone più elevate del parco, ed è quindi più difficile vederli vagare per i prati che costeggiano la strada. In compenso, è più facile incontrare esemplari di pecore delle Montagne Rocciose e capre di montagna.

Luglio e agosto

Di particolare interesse, in questi mesi, è l’accoppiamento dei bisonti.

Settembre

A settembre gli orsi tornano ad aggirarsi nei prati e gli uccelli migratori ripartono verso mete più calde.

Ottobre

Nel mese di ottobre gli orsi scendono di nuovo a valle, ed è facile vederli ai bordi delle strade; i bisonti continuano ad accoppiarsi.

Novembre

A novembre i bisonti scendono a quote meno elevate, le pecore delle Montagne Rocciose iniziano ad accoppiarsi e i lupi tornano ad aggirarsi per la Lamar Valley.

Dicembre

A dicembre le pecore delle Montagne Rocciose continuano ad accoppiarsi e nei fiumi tornano a nuotare i cigni trombettieri.

Dove mangiare

All’interno del parco trovate numerosi ristoranti dove è possibile consumare uno spuntino veloce o un pasto raffinato, a seconda dei vostri gusti, delle vostre tasche e del tempo che avete da dedicare alla pausa pranzo o alla cena.

Ecco qualche consiglio sui luoghi migliori in cui mangiare all’interno del parco:

Lake Yellowstone Hotel Dining Room

Aperto da maggio a ottobre

Il Lake Yellowstone Hotel Dining Room è un locale dall’atmosfera raffinata, che serve piatti a base di pesce e selvaggina, accompagnati da una meravigliosa vista sul Lago di Yellowstone.

Lake Lodge Cafeteria

Aperto da giugno a settembre

La Lake Lodge Cafeteria offre il giusto bilanciamento tra ottimo cibo e prezzi abbordabili, presentando una vasta scelta che comprende antipasti caldi, insalate e ottime bistecche. 

General Stores

Aperto tutto l’anno

All’interno del parco ci sono 12 General Store dove, oltre ai souvenir, è possibile consumare uno spuntino veloce. Tra i più conosciuti ci sono l’Old Faithful, il Yellowstone Lake e il Mammoth Hot Springs general Store.

Mammoth Hotel Dining Room

Aperto da dicembre a marzo

II Mammoth Hotel Dining Room è l’unico ristorante a 4 stelle del parco. Avvolti dall’atmosfera informale della sala, sarà possibile gustare ottimi piatti ammirando la vista che, in inverno, comprende anche i lupi.

Old Faithful Inn Dining Room

Da maggio a ottobre

L’atmosfera vecchio stile dell’Old Faithful Inn Dining Room vi conquisterà, così come il suo menu, che prevede sia proposte più raffinate e costose, sia piatti più economici ma ugualmente ottimi, come quelli del Western Buffet offerto a pranzo, ideale per coloro che vogliono dedicare meno tempo al cibo ed esplorare il parco.

Roosevelt Lodge Dining Room

Da giugno a settembre

Al Roosevelt Lodge Dining Room troverete tutto il fascino del Vecchio West e un ottimo menu, con una vasta scelta di piatti a base di carne.

Quando andare? 

Primavera e autunno

I periodi migliori per visitare Yellowstone sono sicuramente la primavera e l’autunno, quando il clima è migliore e tutte le strade del parco, i negozi, le aree campeggio e i ristoranti sono aperti.

Estate e inverno

L’estate, sebbene sia un ottimo momento per visitare il parco, è anche uno dei periodi più affollati, e non è infrequente trovare coda agli ingressi e nelle strade interne.

In inverno, per quanto sia affascinante godere della vista del parco innevato e dei lupi, visitare Yellowstone può rivelarsi piuttosto problematico, a causa delle strade chiuse (è aperto solo il tratto che va dalle Mammoth Hot Springs all’entrata est) e del fatto che molti dei Visitor Center, delle aree campeggio e dei ristoranti, nonché alcune zone del parco, sono chiusi al pubblico.

Come raggiungerlo

Il parco di Yellowstone si trova per la maggior parte nel territorio del Wyoming, ed ha ben 5 ingressi. Per raggiungerlo si possono utilizzare sia i mezzi pubblici che l’automobile.

In aereo

Nelle vicinanze del parco ci sono diversi aeroporti, serviti per tutto l’anno dalle compagnie aeree commerciali. Ecco quali sono: Cody e Jackson (Wyoming); Bozeman e Billings (Montana); Idaho Falls (Idaho).

Il West Yellowstone Airport in Montana è servito nei mesi da giugno a settembre dagli aerei provenienti da Salt Lake city nello Utah.

In Bus

Il bus da Bozeman a West Yellowstone (via Highway191) è in servizio per tutto l’anno, mentre il servizio bus diretto dall’Idaho a West Yellowstone è limitato ai mesi estivi.

La linea commerciale da Bozeman a Gardiner è attiva in inverno e in estate.

In treno

Non ci sono stazioni ferroviarie nelle vicinanze di Yellowstone. Le più vicine sono a Salt Lake City,in Idaho, oppure in Utah e nel Montana settentrionale.

In auto

Come abbiamo detto, Yellowstone ha 5 ingressi, molti dei quali sono chiusi durante la stagione invernale. Se decidete di vistare il parco in inverno, perciò, consultate prima la pagina del sito istituzionale del parco dedicata alle sue strade.

Tra le strade che portano al parco di Yellowstone ci sono la US 89, la US 212 West, e la US 20.

Ingressi e orari di apertura

Il parco di Yellowstone ha due ingressi nella parte nord, uno a sud e due centrali situati a est e ad ovest.

Alcuni di essi sono aperti tutto l’anno, altri sono aperti solo nei mesi più caldi. Vediamo nel dettaglio quali sono gli ingressi del parco e quali zone consentono di raggiungere.

North Entrance (ingresso nord)

Situata nei pressi di Gardiner, in Montana, lungo la US 89, l’entrata nord del parco è l’ingresso ideale per chi giunge dal Pacifico di nordest o da Missoula. La North Entrance è la via più rapida per raggiungere le Mammoth Hot Springs.

Apertura: è aperta tutto l’anno, ed è l’unica via d’accesso all’area di nordest del parco durante i mesi invernali

Northeast Entrance (ingresso di nordest)

L’entrata di nordest è l’ingresso ideale per chi arriva da Billings o da Red Lodge. Chi arriva da Billings può imboccare la I-90 e poi proseguire sulla US 212 West, mentre chi giunge da Red Lodge può imboccare direttamente la US 212 West.

Dalla Northeast Entrance è possibile raggiungere Cooke City e Beartooth Pass, che sono due delle aree migliori per godere della vista degli animali selvatici del parco.

Apertura: questo ingresso chiude durante i mesi invernali.

East Entrance (ingresso est)

La East Entrance si trova a circa 100 chilometri da Cody, la città fondata da Buffalo Bill; nonostante la distanza, quello che passa per questa cittadina è il percorso più semplice e veloce.

La East Entrance è l’ingresso più vicino al Yellowstone Lake.

Apertura: l’ingresso è aperto da metà maggio fino a inizio novembre. Da dicembre a marzo è possibile transitarvi sono se muniti di un’auto equipaggiata per affrontare il clima invernale.

West Entrance (ingresso ovest)

Se i geyser sono la vostra attrazione preferita all’interno del parco, o se arrivate da ovest, la West Entrance è l’ingresso più adatto a voi: da qui, infatti, ci si trova direttamente all’interno dell’area in cui si concentrano la maggior parte dei geyser e delle sorgenti di acqua calda; per raggiungerlo, dovete imboccare la US 20.

Apertura: l’ingresso resta accessibile da fine aprile a inizio novembre; da metà dicembre a metà marzo si può passare di qua solo se la macchina è attrezzata per affrontare il clima invernale.

South Entrance (ingresso sud)

La South Entrance è l’opzione migliore per chi viene da sud e desidera avere l’opportunità di visitare anche il Grand Teton National Park: da Jackson,in Wyoming, si prosegue sulla John D. Rockefeller Jr. Highway.

Apertura: l’ingresso è aperto da metà maggio a inizio novembre, con restrizione ai soli veicoli dotati di dispositivi invernali da metà dicembre a inizio marzo.

Per conoscere nel dettaglio le date e gli orari di apertura di tutti i maggiori servizi presenti nel parco potete consultare questa pagina

.

Prezzi

  • Pass di 7 giorni per veicoli privati, $30 – Con ingresso al Grand Teton, $50;
  • Pass di 7 giorni per moto e motoslitte, $25 – Con ingresso al Grand Teton, $40;
  • Pass annuale, $60.

Tour guidato di 2 giorni

Se volete visitare il parco di Yellowstone ma non sapete da dove iniziare, oppure se avete il timore di tralasciare qualcosa di importante o, ancora, se non ve la sentite o non avete voglia di guidare, potete sempre optare per un tour guidato, come il tour guidato di 2 giorni che vi propongo e che vi consentirà di visitare tutte le maggiori attrazioni del parco.

Come funziona il tour

Il tour inizia fuori Jackson, in Wyoming e prevede la visita del parco da nord a sud e il pernottamento nell’esclusivo Chico Hot Springs Resort, con la possibilità di fare il bagno nelle acque termali.

Attrazioni

Tra le attrazioni che si potranno vedere durante il tour ci sono: Upper Geyser Basin, Firehole Lake Loop, Artist’s Paint Pots, Firehole River Canyon, Gibbon Falls, Norris Geyser Basin, Roaring Mountain, Gardiner Hole, Tower Falls, Mammoth Hot Springs, Balcktail Plateau, Lamar Valley, Dunraven Pass, Grand Canyon di Yellowstone, Hayden Valley, Lake Yellowstone.

Cosa comprende

  • Guida
  • trasporto
  • pranzo
  • spuntini
  • bevande

Cosa non comprende

  • biglietti d’ingresso al parco
  • colazione
  • cena
  • pernottamento

Prenota il tour

Dove dormire

Per visitare al meglio il parco di Yellowstone, la soluzione migliore è spalmare il proprio viaggio su più giorni: sia all’interno che all’esterno del parco ci sono hotel e resort in cui pernottare, per poter riprendere subito la propria esplorazione il mattino successivo. Ecco a voi diverse soluzioni per dormire:

All’interno del parco

All’interno del parco sono presenti diverse strutture in cui è possibile non solo gustare ottimi pasti, ma anche fermarsi a dormire (non tutti gli hotel sono aperti durante i mesi invernali). Ricordate che, sebbene queste siano le opzioni più pittoresche e più comode, sono anche le più costose.

  • Canyon Lodge and Cabins, aperto da maggio a ottobre è situato vicino al Grand Canyon di Yellowstone, nella zona est del parco;
  • Grant Village, aperto da maggio a settembre, si trova vicino al West Thumb;
  • Lake Yellowstone Hotel and Cabins, aperto da maggio a ottobre, è il luogo giusto da dove godere di una spettacolare vista sul lago;
  • Mammoth Hot Springs and Cabins, aperto da dicembre a marzo, è uno degli unici due hotel che rimangono aperti durante i mesi invernali;
  • Old Faithful Inn, aperto da maggio a ottobre, è di sicuro l’hotel più famoso del parco, con il maggior numero di prenotazioni;
  • Roosevelt Lodge and Cabins, aperto da giungo a settembre, si trova nella zona di Tower Falls.

All’esterno del parco

Se volete rimanere nelle vicinanze del parco ma spendere meno per l’albergo, la soluzione migliore è scegliere di pernottare in un hotel nelle vicinanze. Ecco qualche suggerimento:

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (Lascia un voto per prima/o)
Loading...
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *