sabato , 21 gennaio 2017

Oregon

Salem, Oregon
La capitale dell’Oregon, Salem

Lo Stato dell’Oregon si affaccia ad ovest interamente davanti all’Oceano Pacifico, è chiamato lo “Stato dei castori”, data la grande diffusione di questo animale in tutto il territorio.
L’Oregon confina a nord con Washington, ad est con l’Idaho, a sud con il Nevada e la California.
Il nome dello Stato deriva dal francese ouragan, ovvero uragano, a sottolineare la forza impetuosa del fiume Columbia. Il termine francese deriva a sua volta dallo spagnolo, il dio Huracan è considerato dagli antichi Maya il dio delle Tempeste.

Cenni storici
Lo Stato dell’Oregon è territorio di conquista da parte dei coloni, inizialmente cacciatori di pelli, i quali diventano protagonisti di numerosi e sanguinosi scontri con i nativi indiani. Questi ultimi hanno la peggio e, come spesso è accaduto sul territorio dell’America del Nord, gli indiani vengono confinati nelle riserve.
Con la costruzione della ferrovia e a seguito dello sfruttamento del legno, l’Oregon vive una espansione economica a partire dalla fine del 1800 fino alla seconda guerra mondiale. Nel dopoguerra, molti idealisti si trasferiscono su queste terre sconfinate, alla ricerca di uno stile di vita nuovo e più a contatto con l’essenza della natura e della vita umana. Frequenti sono le battaglie sociali che prendono campo in questo Stato, anche perché l’Oregon ha una legislazione che permette di sottoporre al voto proposte di legge che provengono direttamente dai cittadini.

Da vedere
Portland è una città molto vivace, in cui i liberali sono molto più numerosi dei conservatori, in cui le persone affollano i luoghi di ritrovo sociali che nel centro sono molto frequentati: pub, locali, ristoranti, cinema, teatri, musei. La città è anche una grande produttrice di rose, per questo è chiamata La città delle Rose e ogni anno organizza il festival intitolato a questo fiore.
Altra città dallo spirito aperto e creativo è Eugene , che ha dato sede alla Nike e a molti campioni sportivi. Ha ospitato grandi manifestazioni contro la guerra in Vietnam ed è stata una roccaforte della controcultura Hippy.
La capitale dell’Oregon è Salem, una città di poco meno di 150.000 abitanti dall’architettura curata e dall’aspetto elegante. Chiamata la città delle ciliegie per la produzione di questo frutto. Da vedere la sede del municipio e i musei della città.

Natura
Dalle coste dell’Oregon si ha una posizione privilegiata per assistere al grande passaggio delle balene, per incontrare leoni marini. Questo è possibile da Depoe Bay, un piccolo villaggio di appena mille abitanti.
La regione dell’Oregon Cascades offre un panorama unico su cime innevate che raggiungono i 3000 metri e le quali permettono anche una serie di escursioni e sport all’aperto come lo scii, l’arrampicata, il rafting, la bicicletta, l’alpinismo. Da visitare il Crater Lake, un vulcano esploso sulla cima e sul quale si è formato ora un lago molto suggestivo.

OREGON, OR – 44.92N, 123.02W

MAPPA STATO SITO UFFICIALE

ORIGINE NOME: Il fiume Columbia, per il suo corso impetuoso, fu soprannominato "ouragan", uragano dai francesi, donde il nome dello Stato.
SOPRANNOMINATO: "The Beaver State"
CAPITALE: Salem
ALTRE CITTA’: Milwaukee, Portland
MEMBRO UNIONE DA: 14 febbraio 1859 (33mo stato)
POPOLAZIONE: 3.316.154
NUMERO CONTEE: 36
PERSONE POVERE: 11,6%

MOTTO: "Alis volat Propriis" (She flies with her own wings)

ALBERO: Douglas Fir
UCCELLO: Western Meadowlark
FIORE: Oregon Grape
CANZONE: Oregon, My Oregon

LA BANDIERA: La bandiera dell’Oregon è l’unica con differenti immagini su ogni lato. Entrambi i lati hanno un campo color blu marino con il disegno in oro. L’immagine anteriore include uno schermo a forma di cuore con un’aquila sulla parte superiore, circondata dalle 33 stelle (è stato il 33emo a far parte dell’unione nel 1859.)

ECONOMIA

– AGRICOLTURA: Bestiame, ortofrutticoli e noccioline, latticini, frumento.
– INDUSTRIA: Prodotti di legno e derivati, turismo, trasformazione dei prodotti alimentari, prodotti di carta, strumenti scientifici.

 

bandiera Oregon

Altri articoli che potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *