La prima guerra mondiale

La Prima Guerra Mondiale

Scrivi un commento per primo / di Carlo Galici / aggiornato: 20 dicembre 2017

 
0 Condivisioni

Con l’espressione prima guerra mondiale (detta anche Grande guerra) si intende il conflitto cominciato il 4 agosto 1914 a seguito dell’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono dell’Impero austro-ungarico, compiuto a Sarajevo (Bosnia) il 28 giugno 1914 da parte del nazionalista serbo-bosniaco Gavrilo Princip.

La guerra vide inizialmente lo scontro degli Imperi Centrali: Germania e Impero Austro-Ungarico contro le nazioni dell’Intesa: Francia Gran Bretagna e Russia. Con lo svolgersi del conflitto, a seguito di varie alleanze altre nazioni vi presero parte. Tra queste: Italia, Impero Ottomano, Belgio, Canada, Australia, Stati Uniti, Serbia, Romania, Sud Africa e Nuova Zelanda. Il numero dei continenti coinvolti fu tale da poter definire la Guerra come Mondiale, prima nella storia dell’umanità.

L’Italia decise di intervenire nel conflitto il 24 maggio 1915, dichiarando guerra all’Impero Austro-Ungarico. La decisione di intervenire fu presa dal parlamento dopo che il ministro degli esteri Sidney Sonnino ebbe stipulato con la Triplice Intesa il 26 aprile un patto segreto, detto Patto di Londra, nel quale l’Italia si impegnava ad entrare in guerra entro un mese in cambio di alcune conquiste territoriali che avrebbe ottenuto dopo la guerra: il Trentino, il Tirolo meridionale, Trieste, Gorizia, l’Istria (a eccezione della città di Fiume) e parte della Dalmazia.

La guerra si concluse l’11 novembre 1918, quando la Germania firmò l’armistizio con le forze dell’Intesa. Il numero di morti della Prima Guerra Mondiale è stato di oltre quindici milioni.

Origini diplomatiche

Lo scoppio della guerra è storicamente assiociato all’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando d’Austria il 28 giugno 1914, ma le origini della guerra giacciono in realtà nel complesso delle relazioni tra le potenze europee tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, e soprattutto nelle politiche di colonizzazione promosse dalle varie nazioni.

La Guerra Franco-Prussiana del 1870-71 aveva portato non solo alla fondazione di un potente e dinamico Impero Germanico, ma anche ad un’eredità di animosità tra la Francia e la Germania, a seguito dell’annessione a quest’ultima dei territori francesi di Alsazia e Lorena (di questi territori si parlerà per decenni). Sotto la guida politica del suo primo Cancelliere, Otto von Bismarck, la Germania assicurò la sua nuova posizione in Europa tramite l’alleanza con l’Impero Austro-Ungarico e ad un’intesa diplomatica con la Russia.

L’ascesa al trono (1888) dell’Imperatore Guglielmo II portò sul trono tedesco un giovane governante determinato a dirigere da sé la politica, nonostante i suoi dirompenti giudizi diplomatici. Dopo le elezioni del 1890, nelle quali i partiti del centro e della sinistra ottennero un grosso successo, ed in parte a causa della disaffezione nei confronti del Cancelliere che aveva guidato suo nonno per gran parte della sua carriera, Guglielmo II fece in modo di ottenere le dimissioni di Bismarck.

Gran parte del lavoro dell’ex-cancelliere venne disfatto nei decenni seguenti, quando Guglielmo II fallì nel rinnovare gli accordi con la Russia, permettendo alla Francia repubblicana l’opportunità di concludere (1891-94) una completa alleanza con l’Impero Russo. Ma il peggio doveva ancora venire: Guglielmo intraprese (1897-1900) la creazione di una Marina militare in grado di minacciare il secolare predominio navale britannico, favorendo l’Entente Cordiale Anglo-Francese del 1904 e la sua espansione (1907), che portò all’inclusione della Russia.

La rivalità tra le potenze venne esacerbata negli anni ’80 (1880) dalla corsa alle colonie, che portò gran parte dell’Africa e dell’Asia sotto la dominazione europea nel successivo quarto di secolo. Anche Bismarck, un tempo esitante sull’imperialismo, divenne un sostenitore dell’Impero d’oltremare, aggiungendo alla tensione Anglo-Tedesca le acquisizioni della Germania in Africa e nel Pacifico, che minacciavano di interferire con gli interessi strategici e commerciali britannici.

Il supporto di Guglielmo all’indipendenza del Marocco dalla Francia, il nuovo partner strategico della Gran Bretagna, provocò la Crisi di Tangeri del 1905. Durante la seconda crisi marocchina (o Crisi di Agadir 1911), la presenza navale tedesca in Marocco mise di nuovo alla prova la coalizione Anglo-Francese. Un ingrediente chiave dell’emergente polveriera diplomatica, fu la crescita delle forti aspirazioni nazionalistiche degli stati balcanici: ognuno dei quali guardava a Germania, Austria-Ungheria o Russia per ottenere supporto.

La nascita di circoli anti-austriaci in Serbia, contribuì a un ulteriore crisi nel 1908 riguardante l’annessione unilaterale della Bosnia ed Erzegovina da parte dell’Austria, oltre alla pressione tedesca per forzare un umiliante declino da parte della Russia, indebolita dalla sconfitta del 1905 contro il Giappone e dai susseguenti disordini rivoluzionari.

L’allarme per l’inaspettatamente rapido recupero della Russia dopo il 1909, alimentò i sentimenti dei circoli di governo tedeschi a favore di una guerra preventiva che spezzasse il presunto accerchiamento da parte dell’Intesa, prima che il riarmo russo potesse far pendere la bilancia strategica contro la Germania e l’Austria-Ungheria. Per il 1913 sia la Francia sia la Germania stavano pianificando di estendere il servizio militare, mentre la Gran Bretagna era entrata in una convenzione navale e in colloqui militari con la Francia, negli anni precedenti.

Questo scenario di tensioni internazionali alimentò le ragioni della guerra, c’era solo bisogno di un valido espediente per manifestarle. L’omicidio dell’arciduca Francesco Ferdinando d’Austria per mano del rivoluzionario serbo Gavrilo Princip fu probabilmente la scintilla migliore, e la polveriera scoppiò.

Lo scoppio della guerra

La preoccupazione sulla sicurezza regionale dell’Austria, crebbero con il quasi raddoppio del territorio della vicina Serbia, che risultò dalle Guerre Balcaniche del 1912-1913. Molti nella leadership austriaca, non ultimo l’Imperatore Francesco Giuseppe, e Conrad von Hötzendorf, erano preoccupati dal nazionalismo serbo e dai suoi agitatori nelle province meridionali dell’impero; anche perché tormentati dal ricordo delle campagne Piemontesi contro le province italiane dell’Austria, che culminarono nella Battaglia di Solferino, erano inoltre preoccupati che la Russia avrebbe appoggiato la Serbia nell’annessione delle aree slave dell’Austria. Il sentimento predominante era quello che fosse meglio distruggere la Serbia prima che le venisse data l’opportunità di lanciare una tale campagna.

Alcuni membri del governo austriaco pensavano inoltre che la campagna contro la Serbia sarebbe stata il rimedio perfetto ai problemi politici interni dell’impero. Molti erano frustrati dal potere del governo Ungherese. Nel 1914 il governo dell’Impero Austro-Ungarico aveva una struttura “dualistica”. Austria e Ungheria avevano essenzialmente due governi separati sotto lo stesso monarca. Il governo austriaco manteneva il controllo sulla politica estera, ma era dipendente da quello ungherese per questioni come l’approvazione del bilancio.

Spesso la leadership ungherese, sotto István Tisza rifiutò le richieste austriache per questioni tipo l’incremento delle spese militari. Nella speranza di terminare il blocco politico che ciò comportava, molti si auguravano la formazione di una federazione, o almeno una monarchia trialistica. La soluzione veniva vista nell’incremento del numero di Slavi all’interno dell’impero.

L’assassinio di Francesco Ferdinando, nel giugno del 1914 creò l’opportunità tanto cercata da alcuni leader austriaci di poter contare su un piccolo regno slavo. I cospiratori di Sarajevo vennero accusati dalle autorità Austro-Ungariche di essere stati armati dalla fantomatica Mano Nera, un raggruppamento nazionalista pan-serbo collegato ai circoli di governo della Serbia.

Con il supporto della Germania, l’Austria-Ungheria, che agì principalmente sotto l’influenza del Ministro degli Esteri Leopold von Berchtold, inviò un ultimatum in 15 punti, praticamente irrealizzabile, alla Serbia, il 23 luglio 1914, che doveva essere accettato nel giro di 48 ore.. Il governo Serbo accettò tutte le richieste meno una. L’Austria-Ungheria nondimeno ruppe le relazioni diplomatiche il 25 luglio e dichiarò guerra il 28, tramite telegramma inviato al governo serbo.

Il governo Russo, che nel 1909 si era impegnato a sostenere l’indipendenza serba in cambio dell’accettazione serba dell’annessione della Bosnia all’Austria, mobilizzò le sue riserve militari il 30 luglio a seguito dell’interruzione nelle cruciali comunicazioni telegrafiche tra Guglielmo II e Nicola II di Russia, che era sotto pressione da parte del suo staff per prepararsi alla guerra.

La Germania, richiese il 31 luglio, che la Russia ritirasse le sue forze, ma il governo russo persistette, in quanto la demobilitazione avrebbe reso impossibile riattivare la pianificazione militare in tempi brevi. La Germania dichiarò guerra alla Russia il 1 agosto e due giorni dopo contro il suo alleato, la Francia.

Lo scoppio del conflitto è spesso attribuito alle alleanze stipulate nei decenni precedenti: Germania-Austria-Italia contro Francia-Russia; con Gran Bretagna e Serbia allineate a queste ultime. In effetti nessuna delle alleanze venne attivata all’inizio, anche se la mobilitazione generale russa e la dichiarazione di guerra tedesca contro la Francia furono motivate dalla paura che l’alleanza avversa venisse posta in gioco.

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (3 voti, media: 1,33 su 5)
Loading...
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.