Tour della California

Come visitare la California

 

Paesaggi naturali di rara bellezza, importanti dimensioni e metropoli mondiali sono solo alcuni dei tanti motivi per cui è impossibile lasciare gli USA senza aver visitato la California.

Terzo stato degli USA per dimensioni (segue il Texas e l’Alaska), la California è anche lo stato più popoloso degli States che ha avuto una forte influenza sul resto del mondo occidentale anche (ma non solo) per la presenza di Hollywood.

Dunque, vediamo quali sono le cose più importanti da sapere per chi volesse organizzare un tour in California.

Come muoversi

Dicevamo che la California è uno degli stati più grandi all’interno della confederazione degli States e, inoltre, vanta una significativa differenza paesaggistica, comprendendo al suo interno più di 1300 km di coste, diversi deserti, montagne e depressioni.
In un quadro geografico del genere, è comprensibile che i collegamenti pubblici non siano sempre efficienti; di fatti, è pacifico che il mezzo migliore per muoversi in California sia l’automobile.

Peraltro, la California ha una buona rete stradale e, in particolare, ha molte superstrade che collegano abbastanza facilmente i principali punti di interesse dello Stato; accanto a queste non mancano strade secondarie, meno frequentate, che permettono interessanti e suggestive tratte panoramiche.

Tuttavia, non sottovalutiamo – come già detto – le dimensioni della California: consideriamo che le due principali città dello stato – San Francisco e Los Angeles – sono collegate dall’Interstate 5 che è lunga più di 600 km e richiede circa 6/7 ore di viaggio.

Per queste tratte è sicuramente consigliato prendere in considerazione i collegamenti aerei, proposti dalla Southwest Airlines; una volta a destinazione, il noleggio dell’auto è una delle opzioni più papabili, se non avete intenzione di visitare solo i centri cittadini delle principali città dove, invece, l’utilizzo dei mezzi pubblici può essere sufficiente.

Quanto costa un tour della California?


Naturalmente, il prezzo varia in relazione ai comfort e alla qualità che desideriamo per la nostra vacanza. Partendo dagli alberghi, se abbiamo intenzione di soggiornare in hotel il prezzo varia dai circa 80 $ a notte fino ad arrivare a oltre i 200/300 $ per sistemazioni medie. Ovviamente, per il massimo comfort non ci sono limiti di spesa.
Le altre soluzioni di alloggio possono sicuramente essere più a buon mercato: i motel si aggirano attorno ai 50$ a notte, mentre un po’ più cari (attorno ai 50$/60$) sono i bed and breakfast.
Decisamente più economiche sono i campeggi che, con pochi dollari, permettono di usufruire dei servizi offerti (oltre che essere una soluzione decisamente caratteristica).

Per chi volesse noleggiare un’auto fa sicuramente piacere sapere che qui i costi di noleggio sono più bassi che in Europa, così come il prezzo della benzina. I singoli costi poi vanno quantificati in relazione al tipo di auto e ai comfort scelti, così come alle clausole contrattuali incluse (guida esclusiva, polizza kasko…)

Qual è il periodo migliore per visitare la California?

Indicativamente, la California è un posto che si può visitare tutto l’anno grazie a un clima temperato, cioè che non è torrido d’estate e non è troppo rigido d’inverno.
Tuttavia, bisogna sicuramente considerare il dove e il cosa si vuole fare in California: le dimensioni dello stato naturalmente impongono una diversificazione delle condizioni climatiche fra le varie zone della California (consideriamo banalmente che temperature sopportabili in città d’estate corrispondono a un clima insopportabile nel deserto. All’opposto, se in città piove d’inverno, sulle catene montuose ci sarà la neve) e in base alle attività che si vogliono praticare (un conto sarà il tempo desiderato per visitare una città e un conto quello per una giornata al mare).

Più nello specifico, il Nord è sicuramente la zona più fredda della regione, con una temperatura compresa fra i 5 e i 12 gradi in gennaio e fra gli 11 e i 17 in luglio.

All’opposto, Palm Springs è una delle zone più calde, con una temperatura a gennaio compresa fra i 6 e i 21 gradi e fra i 24 e i 43 in luglio, elevati tassi di umidità e scarsissime precipitazioni (3 mm in aprile).

Per quanto riguarda le città, sia San Diego che Los Angeles hanno un clima temperato, con temperature in gennaio comprese fra i 10 e i 20 gradi e, d’estate, fra i 20 e i 30 gradi.
Los Angeles è mediamente un po’ più piovosa e con tassi di umidità leggermente maggiori di San Diego.
Per quanto riguarda le attività, la California ha un clima che soddisfa le esigenze di tutti: al Nord si può sicuramente sciare nei mesi invernali, mentre d’estate le spiagge californiane sono un must per chi visita la California.

Non meno interessanti sono i festival e gli eventi in programma: in primavera il Cinco de Mayo (5 maggio) – tradizionale festa messicana con danze e canti mariachi – anima sia Los Angeles che San Francisco; in estate la fa da padrona la vita da spiaggia mentre in autunno cade il Mexican Indipendence Day con musiche, balli e piatti messicani a Los Angeles.
In inverno, oltre alle celebrazioni per Halloween e Natale, merita una menzione particolare la cerimonia degli Oscar a Los Angeles in febbraio.

Dove dormire in California

Scopri dove dormire a Los Angeles | dove dormire a San Francisco

In California ci sono soluzioni di alloggio proprio per tutti i gusti: la presenza di Hollywood e importanti centri finanziari propone hotel di lusso e sistemazioni di classe accanto a motel a buon mercato o campeggi nelle immediate vicinanze delle città.
La scelta su quale sia l’alloggio migliore è ovviamente soggettivo e legato anche all’indirizzo che abbiamo dato al nostro viaggio in California.

Se preferiamo la comodità di un albergo, nelle principali città non mancano quelli delle principali catene internazionali, con la solita e ben nota qualità nei servizi; accanto a questi ci sono anche hotel di dimensioni minori e quelli a conduzione familiare.
Per turisti che hanno budget ristretti, i bed and breakfast sono soluzioni immancabili, che garantiscono non solo un sensibile risparmio economico, ma anche il fascino di antiche case d’epoca riadattate per l’occasione.
Per chi ha intenzione di fermarsi in California per molto tempo, può anche essere utile prendere in considerazione l’affitto di un alloggio tramite agenzie specializzate.

Al di fuori degli alloggi tradizionali, vale sicuramente la pena prendere in considerazione – vista la tipicità del territorio californiano – di sistemarsi in campeggi o nei parchi.
Oltre alle consuete stazioni per campeggiatori, in California è possibile trovare ospitalità nei parchi statali e federali (uno dei posti più suggestivi è sicuramente la Yosemite Valley).
I costi per fruire dei servizi sono piuttosto modesti e offrono bagni e posti per tende e camper. 
Data la singolarità della proposta, è consigliabile sicuramente informarsi e prenotare con anticipo.

Viaggiando da una città all’altra – abbiamo visto – ci vogliono diverse ore di auto, quindi potrebbe sicuramente far comodo tenere in considerazione la possibilità di alloggiare in un motel presente sulle superstrade, non molto diversi da quelli che da sempre vediamo nei film americani.
I prezzi sono accessibili e la struttura può essere più o meno confortevole, ad ogni modo se non vi formalizzate troppo possono rappresentare un alloggio più che sufficiente per una notte.

Cosa visitare in California

[tie_full_img]Los Angeles[/tie_full_img]

LOS ANGELES
Insieme a San Francisco è la città più importante dello stato. Il suo nome è indissolubilmente legato alle stelle del cinema che ha reso famose con Hollywood. Non ci sono dubbi naturalmente che a Los Angeles non si può non visitare la sede dell’industria cinematografica più importante del mondo e la sua leggendaria Walk of Fame.

Attorno a Hollywood si sono sviluppati tutti una serie di musei che narrano la storia del cinema, tuttavia è ingiusto limitare la visita a Los Angeles alla sola parte cinematografica.

Qui, infatti, ha sede anche il Griffith Park, uno dei più grandi parchi urbani degli States, e alcune delle più belle spiagge della California, come Santa Monica e Malibu, dove peraltro è possibile dedicarsi al windsuf e ai principali sport acquatici.
Per gli amanti della guida, non può mancare un viaggio lungo il leggendario Sunset Boulevard che, peraltro, ci conduce anche in una delle zone più famose di LA, Beverly Hills.
Fra i musei, imperdibile il Getty Center.

DISNEYLAND
Alle porte di San Francisco, si trova questo piccolo mondo che fa sognare, dal 1955, grandi e piccini: parco dei divertimenti diventato non solo simbolo del mondo delle favole, ma anche modello per tutti gli altri parchi del genere, ospita giostre, spettacoli, hotel e negozi. Imperdibile.

SAN FRANCISCO
A tratti contraddittoria, la città di San Francisco è un’altra delle mete urbane che non ci si può lasciar sfuggire in California. Si è sviluppata durante gli anni dell’età dell’oro e, dopo un breve momento di empasse durante la Depressione, si è affermata come uno dei centri finanziari più importanti del Paese, complice anche la presenza della prolifica Silicon Valley.
Oltre all’aspetto economico, San Francisco è molto interessante per la ricca varietà etnica e multiculturale che ha.
Nella sua baia sorge il tristemente famoso carcere dell’isola di Alcatraz; altri punti di sicuro interesse sono Nob Hill, il punto più alto della città, e il Golden Gate Bridge immerso in una zona naturalistica di pregio con sentieri da trekking e spiagge, ricomprese nel Golden Gate Park

SAN DIEGO
La seconda città più estesa della California ha un aspetto decisamente poco americano, ma non per questo meno affascinante. Fondata dalla Missione San Diego de Alacalà, la città ha tratti tipicamente coloniali, con strutture missionarie che sono resistite nel tempo; particolarmente suggestivo è il quartiere storico di Gaslamp, con edifici di epoca vittoriana, bar e locali di altri tempi.

DESERTO MOJAVE
Al suo interno troviamo il Death Valley National Park, il parco nazionale che circa 1 secolo fa, ha registrato la più alta temperatura al mondo.
Sede di panoramiche e viste semplicemente mozzafiato, si alternano le dune di sabbia di Stovepipe Wells, la distesa di sale che si estende sotto il livello del mare di Badwater e il Lake Havasu.

REGIONE DELL’ORO
Nella metà dell’Ottocento la California divenne la meta di quanti cercavano fortuna: si diffuse la voce della presenza dell’oro e tutti accorsero in massa qui, dando vita a città che ancora oggi conosciamo, come Jackson.
Vicino a Jackson, possiamo comunque ammirare come apparisse prima della corsa dell’oro un villaggio delle tribù indiane, conservato al Chaw’se Indian Grinding Rock State Historic Park.

SIERRA NEVADA
Amanti della natura, la vostra meta in California dove ammirare paesaggi unici al mondo è la Sierra Nevada. Qui troviamo le foreste di sequoie, gli alberi più alti al mondo (Sequoia e Kings Canyon National Parks) e il Mount Whitney che è la cima più alta degli States.
Sempre in Sierra Nevada troviamo il leggendario Yosemite National Park.
Oltre alla natura, possiamo anche dedicarci all’azzardo in uno dei tanti casino che si trovano lungo la Stateline.

Parchi della California

[tie_full_img]Il parco Joshua Tree in California[/tie_full_img]

Parco Nazionale Joshua Tree
L’elemento distintivo di questo parco sono gli alberi di Giosuè (Joshua Tree), della specie yucca, così ribattezzati dai primi mormoni che nel XIX secolo videro gli alberi e rimasero colpiti dai rami protesi verso il cielo che gli ricordarono le braccia del biblico Giosuè che invoca Dio.
Gli alberi di Giosuè crescono solo qui e raggiungono 9 metri di altezza; il parco è desertico e presenta fantastiche formazioni rocciose, ideali per gli amanti dell’arrampicata.

Parco Nazionale Death Valley
Fornace del mondo, d’estate qui si registra la temperatura più alta del globo; ciò non bastasse, il parco rappresenta il punto più basso dell’emisfero occidentale, essendo posto su una depressione della crosta terrestre, racchiuso da catene montuose dalle cime affilate, in una sorta di abbraccio.
Ricco di canyon, rappresenta sicuramente uno dei parchi più originali e meritevoli di visita.

Parco Nazionale Yosemite (Sierra Nevada)
Un riuscito mix di foreste sempre verdi e distese a picco di rocce, sormontate dai pascoli alpini rendono davvero suggestivo il panorama del Parco Nazionale Yosemite che è parzialmente percorribile in auto (si arriva anche fino alla Yosemite Valley, considerata un ottimo punto di partenza per scoprire il parco).
Per il resto, invece, è una meta destinata principalmente agli escursionisti.

Parco Nazionale Sequoia (Sierra Nevada)
Tutti quanti noi abbiamo visto almeno una foto di un tunnel intagliato in una sequoia crollata: se volete assistere dal vivo l’esperienza di passare sotto una sequoia, la vostra meta sono i due parchi gemelli Sequoia e Kings Canyon National parks, composti da ben 34 boschi degli alberi più alti al mondo, nelle immediate vicinanze del Mount Whitney, la montagna più alta degli States.

Parco Nazionale Redwood
Parco nazionale istituito nel 1968, anche qui le protagoniste indiscusse sono le sequoie che si estendono lungo la costa della California del nord.

Parco Nazionale Channel Islands (Centro sud California)
Arcipelago vulcanico in cui non è registrata presenza umana, ospita delfini, balene grigie e pellicani bruni della California che, con un pizzico di fortuna, non faremo fatica ad avvistare, insieme a elefanti marini e otarie di mare.

Spiagge della California

[tie_full_img]Spiagge della California[/tie_full_img]

Los Angeles
LA vanta le spiagge più ambite della West Coast, complice una bella alternanza fra scogliere e lidi sabbiosi; le più famose sono sicuramente Santa Monica e Malibu.
Per gli amanti del surf è imperdibile Surfrider County Beach e Zuma County Beach, mentre per chi vuole pescare e fare immersioni c’è Point Dume County Beach.
La sabbia fine di Manhattan Beach e di Redondo Beach sono perfette per le famiglie.

Centro Sud della California e Santa Barbara
Meno affollata della costa di LA, questa zona offre una maggiore privacy a chi vuole dedicarsi alla vita da spiaggia.
East Beach, nei pressi di Santa Barbara, è particolarmente indicata ai bambini, mentre El Capitan State Beach offre interessanti spunti per chi ama osservare la natura.
Andando verso Monterey possiamo trovare la celebre Morro Rock, emblema della California e punto di riferimento dei navigatori spagnoli nei secoli scorsi.

Orange
Qui troviamo Laguna Beach, ritrovo di artisti e con una suggestiva passeggiata in vetta alle scogliere, l’ideale per chi vuole concedersi un tranquillo pomeriggio di relax in una cornice unica al mondo e Huntington State Beach, regno dei surfisti.

San Diego
Una delle mete più interessanti è Jolla Cove è un interessante riserva ecologica dove sub e praticanti di apnea potranno concedersi immersioni da favola; per gli innamorati, la Coronado Beach è, invece, una delle più romantiche spiagge di San Diego.

San Francisco
La Bay Area ha una temperatura mite, quindi anche in inverno possiamo pensare di trascorrere un pomeriggio di sole in spiaggia; oltre alla solita vita di mare, qui possiamo cimentarci nell’osservazione della fauna locale che è piuttosto variegata e ricca.

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (11 voti, media: 4,55 su 5)
Loading...
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.